Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Crollo mura aureliane

100 milioni di euro per restauro completo

Un gran boato, la polvere e quindici metri di antiche mura aureliane sono venute giù a San Lorenzo, su viale Pretoriano. A precipitare, per l’esattezza, non è stato il muro di epoca romana bensì la cosiddetta “fodera papalina”, il rivestimento risalente al periodo di Sisto V.

Il crollo è avvenuto a causa di alcune infiltrazioni di acqua dopo le abbondanti pioggie dei giorni scorsi, per fortuna al momento del cedimento nessuna passava per quel tratto di muro. I vigili del fuoco intervenuti subito dopo il crollo hanno immediatamente controllato che non ci fosse nessuno sepolto sotto le macerie anche perché in quella zona, a due passi da termini, decine di senza tetto trovano rifugio proprio ai piedi delle vecchie mura romane.

La cinta muraria, oggi lunga 12,5 chilometri, è stata costruita tra il 270 ed il 273 dall’imperatore aureliano per difendere Roma dagli attacchi dei barbari. Oggi è praticamente impossibile tenerla sotto controllo: “non solo sono strutture che hanno 2.000 anni – spiega il sovrintendente comunale Eugenio La Rocca – ma hanno anche alle spalle una quantità infinita di restauri”.

A due passi dal crollo, su via del Pretoriano e proprio sotto le mura, da 22 anni c’è questa carrozzeria, nessuna preoccupazione per il signor Domenico: "No, io non mi preoccupo -dice Domenico - sono qui da 22 anni e non ci sono mai stati problemi, poi lo sanno tutti: i romani erano grandi architetti".

Dieci milioni già sono stati spesi per il recupero del tratto di mura tra l’ardeatino e la porta di san sebastiano, ma per un sistemare tutta la cinta muraria servirebbero ben 100 milioni di euro.
 
 

[02-11-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE