Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Invasion

di Oliver Hirschbiegel. Con Nicole Kidman, Daniel Craig

di Svevo Moltrasio

Una misteriosa razza aliena arrivata sul nostro pianeta si impossessa dei corpi degli uomini durante il sonno senza mostrarsi esternamente. Al risveglio l’unica differenza è nella freddezza degli atteggiamenti, oltre che nelle intenzioni da conquistatori verso la nostra civiltà.

Quarta trasposizione cinematografica del romanzo di Jack Finney L’INVASIONE DEGLI ULTRACORPI: ambientato ai giorni nostri, il film è diretto dal tedesco Oliver Hirschbiegel alla prima trasferta hollywoodiana, ma il produttore Joel Silver, insoddisfatto del lavoro, ha fatto girare altre scene, soprattutto d’azione, da un altro regista. La storia insegna che queste scelte difficilmente portano a buoni risultati, e nel vedere INVASION si notano chiaramente due diverse anime che finiscono per cozzare e svilire il risultato finale.

Nell’ intenzione di Hirschbiegel c’era probabilmente l’idea di seguire un cinema horror/fantascientifico di stampo drammatico e serio, con una chiara impronta d’autore in stile europeo. Lo si riscontra in una certa lentezza con cui sono costruite alcune situazioni, soprattutto iniziali, con una descrizione dei personaggi minimalista, in particolare quello della protagonista. E la svolta horror sembrerebbe doversi sviluppare con calma e con chiarimenti e colpi di scena distribuiti nel tempo. Tutt’altro: il film vira bruscamente, la situazione è chiara, sia ai personaggi che allo spettatore, in poche battute, e si susseguono a gran ritmo scene d’azione il più delle volte superflue. Confusionari anche i rimandi all’attualità, con l’intelligenza aliena che sembra porsi come alternativa pacifista alla sanguinaria politica statunitense. Scelta quest’ultima verso cui comunque va la Kidman, in nome forse di un’ inevitabile ma amabile imperfezione della nostra razza. Nonostante fisicamente poco adatta, la protagonista ha in ogni caso il carisma della grande attrice che riesce a dare una marcia in più ad un film di genere “inferiore”.

**

[01-11-2007]

 
Lascia il tuo commento