Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Immigrazione a Roma

il rapporto annuale della Caritas

Roma capitale dell'immigrazione: l'84% dei lavoratori stranieri dell'intera regione è concentrato nella città del Colosseo.

Secondo l'analisi della Caritas (di dati Unioncamere), le donne, pur essendo la maggioranza tra le soggiornanti, incidono solo per il 40% sugli occupati. Rispetto ad altri contesti, a Roma prevale la concentrazione nei servizi (74,3%, in particolare nel settore dell'assistenza alle famiglie e nel commercio) rispetto all'industria (21,2%, con particolare rilevanza dell'edilizia).

Nella provincia di Roma sono 11.700 gli imprenditori e 4.000 i soci con effettiva cittadinanza estera, con una donna ogni cinque. All'inizio del 2007 gli immigrati regolari in Provincia - inclusi anche i non residenti - sono 431.418 con un aumento del 17,7% rispetto all'anno precedente.

"Questo aumento di quasi 65.000 unità - e' segnalato nel rapporto - è dovuto agli oltre 50.000 per i quali è stata presentata domanda di assunzione nell'ambito delle quote di marzo 2006, ai ricongiungimenti familiari, agli ingressi per motivi religiosi e di studio e ai nuovi nati (4.386) che pone la provincia di Roma al secondo posto dopo Milano". Secondo l'analisi, gli europei sono più del 50 per cento, gli asiatici un quinto del totale e gli americani e gli africani un po' più del 10 per cento. Le donne sono più numerose dei maschi.

Gli immigrati sono più giovani dei romani e la maggioranza è concentrata nella fascia centrale d'età tra i 19 e i 40 anni, mentre gli ultrasessantenni non superano neppure il 5%.

 
 

[30-10-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE