Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Ancora Vucinic

La Roma supera il Milan, decide di nuovo il montenegrino. De Rossi sbaglia un rigore.

L'esultanza di Vucinic

Ormai è quasi un eroe cittadino, Mirko Vucinic. Dopo l'eurogol contro lo Sporting, il montenegrino decide anche la sfida di San Siro contro il Milan, che rilancia le ambizioni della Roma (ma non spazza via alcune ombre).

Senza Totti, dunque, la Roma è costretta a cambiare combinazioni offensive, con un centravanti che preferisce andare nello spazio anziché indietreggiare e far salire la squadra come il capitano. La sorpresa in difesa è Cicinho (chissà se i rapporti tra Panucci e Spalletti sono recuperati...), mentre Cassetti fà il terzino sinistro e Tonetto l'ala. La formazione giallorossa parte bene, con una buona supremazia territoriale, mentre il Milan si affida alle sfuriate (ben contenute) di Kakà. Al 5' Rosetti ferma un contropiede della Roma per un dubbio fallo di mano di Mancini, ma la prima emozione è al 12', con un retropassaggio sbagliato di Kaladze (giornataccia per lui), e Dida che anticipa di un soffio Vucinic. Al 17' grande occasione per il Milan: passaggio di Pirlo per Kakà, che sfiora il palo con un diagonale di destro. Poi, conclusioni di Cicinho al 20' e al 24', con Dida sempre pronto. Ma i giallorossi la grande occasione la costruiscono al 27' con un gran contropiede: Mancini incrocia per Vucinic, che a tu per tu con Dida spedisce a lato (c'è anche un contrasto dubbio di Cafu). A questo punto il Milan sale di tono: Seedorf va al tiro dal limite al 31', palla di poco a lato. Ancora l'olandese al 37' viene servito in area: il tiro viene deviato da De Rossi in scivolata. Un minuto dopo ottima azione rossonera conclusa da Kakà, che prova il tiro a giro, deviato ancora da De Rossi. Al 43' Tonetto conclude debolmente una buona trama della Roma.

Nel secondo tempo il Milan entra in campo con un altro piglio. Al 7' gran controllo di Gattuso in area, che salta un avversario ma conclude centrale di sinistro. Dopo un quarto d'ora con i rossoneri a spingere, Spalletti cambia e mette Brighi per Perrotta, con Pizarro spostato sulla trequarti. Al 17' cross di Maldini, Gilardino gira di testa e palla fuori di poco. Poi la partita si addormenta, e si sveglia solo con un paio di conclusioni da fuori dei giallorossi. Anche per questo è decisiva la fiammata romanista del 27' e la verve realizzativa di Vucinic. Cicinho si fà lanciare sulla destra da Mancini, crossa e Vucinic di testa sul primo palo trafigge Dida. Dentro Serginho e Giuly, fuori Gattuso e Mancini. La Roma non solo controlla, ma al 35' ha anche l'occasione per raddoppiare: De Rossi viene trattenuto in area da Ambrosini, Rosetti fischia il rigore ed espelle (per doppia ammonizione) il mediano milanista. L'esecuzione di De Rossi è incredibile: un cucchiaio che sorvola la traversa e rischia di rianimare un Milan che sembrava in coma. Ma i rossoneri sono in dieci e non ne hanno più (unico sussulto una nuova girata di testa di Gilardino), e nel finale rischiano il naufragio, assediati da un paio di tiri di Vucinic e uno di Giuly (con Dida che rischia una papera, una in più).

Partita divertente anche se sottotono (anche a causa degli impegni in Champions di entrambe le squadre). La Roma espugna per il secondo anno consecutivo la Milano rossonera, pur senza Totti e con diversi altri assenti, e si rilancia al vertice della classifica. Ottima prova di Cicinho che, come si sapeva, è quasi nullo in difesa ed eccellente in attacco (forse è più adatto a fare l'ala, in Italia). Mercoledì c'è il derby, poi le gare delicate saranno finite per tutto il girone, e lì si dovrà accelerare di brutto. Perché comunque la Roma migliore è ancora lontana.

Simone Luciani

Milan: Dida, Cafu, Nesta, Kaladze, Maldini (33' st Favalli), Ambrosini, Gattuso (29' st Serginho), Pirlo, Seedorf, Kakà, Gilardino. A disp.: Kalac, Bonera, Brocchi, Gourcuff, Inzaghi. All.: Ancelotti.

Roma: Doni, Cicinho (39' st Panucci), Mexes, Juan, Cassetti, De Rossi, Pizarro, Mancini (30' st Giuly), Perrotta (13' st Brighi), Tonetto, Vucinic. A disp.: Curci, Ferrari, Barusso, Esposito. All.: Spalletti.

Arbitro: Rosetti di Torino.

Reti: 27' st Vucinic.

Note: Spettatori 60.205. Espulso al 35' st Ambrosini per doppia ammonizione. Ammoniti Vucinic, Nesta, Pirlo, Favalli, Panucci, De Rossi, Seedorf.

[28-10-2007]

 
Lascia il tuo commento