Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tecnologie
 
» Prima Pagina » Tecnologie
 
 

Blu-Ray Vs. HD-DVD

 E' trascorso parecchio tempo dal lancio dei nuovi formati ottici ad alta definizione. La lotta per l’affermazione di un formato rispetto all’altro non è ancora finita. Stiamo parlando del Blu-Ray e del HD-DVD. I maggiori produttori nel campo dell’elettronica si sono schierate a favore dell’uno o dell’altro formato sfornando una serie di prodotti dai costi ancora abbastanza elevati. Sta di fatto che i consumatori considerano ancora buona la qualità offerta dai “vecchi” DVD. Ma quali sono le qualità di questi due nuovi formati?

Blu-ray Disc (spesso abbreviato in BD) è il supporto ottico proposto dalla Sony agli inizi del 2002 come evoluzione del DVD per la televisione ad alta definizione. Grazie all'utilizzo di un laser a luce blu, riesce a contenere fino a 54 GB di dati, quasi 12 volte di più rispetto a un DVD Single layer (4,7 GB). Anche se questa capacità sembra enorme un disco da 25 GB può contenere a malapena 2 ore di filmato ad alta definizione utilizzando il tradizionale codec MPEG-2. Per questo motivo, oltre all'utilizzo dei dischi a doppio strato (oltre 50 GB), è stato previsto l'impiego di codec più sofisticati come l'MPEG-4 AVC o il Windows Media Video 9 (standardizzato come VC-1) che permettono in teoria di raddoppiare il fattore di compressione rispetto all'MPEG-2 (quindi dimezzando la richiesta di spazio) senza introdurre apprezzabili artefatti sulla qualità video.

Un disco HD DVD ha una capacità di 15 GB per ogni singolo layer, e al momento esiste in 3 versioni differenti: 15 GB (1 layer), 30 GB (2 layer) e 45 GB (3 layer). E’ simile al concorrente Blu-ray Disc, che utilizza anch'esso supporti della stessa dimensione, pari a quella dei CD (120 mm di diametro) e un laser blu di 405 nanometri di lunghezza d'onda.

Ovviamente per poter sfruttare al meglio queste tecnologie non deve mancare un televisore FULL HD con risoluzione 1080p e magari anche un bel impianto dolby digital. La spesa per aggiornarsi sembra onerosa ma ripaga ampiamente in termini di qualità di immagine e di sensazione visiva.
Provare per credere.

Per consigli o segnalazioni scrivete a: tecknologie@corriereromano.it

Stefano Soriano

[26-10-2007]

 
Lascia il tuo commento