Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Racket nel Lazio

6.000 negozianti pagano il pizzo

6 mila commercianti nel lazio sono vittime di estorsione mentre sono 23 mila gli esercenti strozzati dalla mafia che grazie all’ausura conta un giro d’affari di due miliardi di euro.

Le vittime si trovano per lo più nel basso Lazio e nel litorale romano. È soprattuto qui che le organizzazione criminali costringono imprese e commercianti a sborsare il denato richiesto, pena furti, danneggiamenti e distruzione dell’attivita’.
A lanciare l’allarme è Confesercenti che ha appena presentato il decimo rapporto dell’associazione "sos impresa".

In base ai dati raccolti, in Italia, l'usura rappresenta la principale fonte di business criminale per la mafia, con circa 30 miliardi di fatturato. Il racket frutta ai clan 10 miliardi, 7 miliardi arrivano dai furti e dalle rapine, 4,6 dalle truffe, 2 dal contrabbando, 7,4 dalla contraffazione e dalla pirateria, 13 dall'abusivismo, 7,5 dalle mafie agricole, 6,5 dagli appalti e "solo" 2,5 dai giochi e dalle scommesse.

Numeri che fanno della mafia la prima azienda italiana. Solo l’anno scorso sono stati più di 50 mila i casi di furti truffe e rapine praticamente all’ordine del giorno. Tra le citta’ più colpite nel Lazio ci sono Latina e Frosinone. Nel 2006 nel capoluogo pontino ci sono state 49 denunce, 99 incendi dolosi, 57 danneggiamenti e un attentato. In quello ciociaro invece 29 denunce, 74 incendi, 35 danneggiamenti e un attentato. Per contrastare il fenomeno della criminalita’ confesercenti ha chiesto di modificare la legge sugli appalti.

Tra le proposte, la creazione di 'corsie preferenzialì per le imprese che si sono sottratte al ricatto mafioso, l’esclusione dagli appalti di quelle coinvolte con la criminalità, l’istituzione di un albo 'pizzo free' per le imprese che vogliono contrattare con la pubblica amministrazione, l’esenzione per cinque anni dalle imposte e dalle tasse per le imprese che denunciano l’usura e lo stanziamento di 100 milioni di euro per alimentare il fondo di prevenzione nel prossimo triennio.

[23-10-2007]

 
Lascia il tuo commento