Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Carceri: Sciopero della Fame Per L'Amnistia

Qualche centinaio di detenuti in sciopero della fame, per richiamare l'attenzione sul problema dell'amnistia, mentre politici, giornalisti e uomini di cultura, si organizzano per scendere in piazza il giorno di Natale.

Terminato lo sciopero della fame di Marco Pannella, i detenuti di Regina Coeli hanno preso in mano il testimone nella staffetta per i diritti dei reclusi e da due giorni rifiutano il cibo. E non solo per protestare contro i disagi quotidiani legati al problema del sovraffolamento, molto sentito - ricorda il garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni - in un penitenziario come Regina Coeli che ospita 900 persone in una struttura pensata per 700. In un periodo come il Natale la sofferenza in carcere aumenta proprio perché in contrasto col clima festoso che si respira al di fuori delle mura.

Si esaspera anche la mancanza degli affetti e si anima, di riflesso al dibattito politico, la speranza di un'amnistia. Risale a 15 anni fa, l'ultimo provvedimento di questo genere, mentre sono passati già tre anni dall'appello di Papa Giovanni Paolo II che invocava la riduzione delle pene, così mentre il governo si scontra con l'unione sulla possibilità di un provvedimento di indulto graduale, la ex Cirelli inasprisce le pene per i recidivi e il guardasigilli Castelli rinnova il no alla richiesta di grazia per Adriano Sofri.

Proprio quest'ultimo sarà forse in piazza a Roma il 25 Dicembre e con lui saranno molti a manifestare nel giorno di Natale: da Giulio Andreotti a Francesco Cossiga, dal Nobel Rita Levi Montalcini al presidente emerito della Corte Costituzionale Antonio Baldassare.

[16-12-2005]

 
Lascia il tuo commento