Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Ridimensionati

Tre volte in vantaggio e tre volte raggiunta: la Roma getta alle ortiche i 3 punti.

Perrotta e Curci

Mancano pochi minuti alla fine, e per grazia di Dio sei in vantaggio. Arriva un cross lento lento nella tua area, e tu fai saltare indisturbato non un avversario qualunque, ma il centravanti, ovvero il giocatore che dovresti francobollare come fà una scimmietta con la madre. E invece quello ti pareggia. E' in questa azione il succo di una gara, e di una Roma che ha smarrito solidità e, come andiamo ripetendo da tempo, mentalità.

Che la squadra sia lontana anni luce dai momenti migliori, si capisce subito. Bastano due minuti al folletto partenopeo Lavezzi per trafiggere Curci: il piccolo raccoglie una sponda di Zalayeta in area (con la difesa giallorossa inspiegabilmente ferma), si allarga e segna con un bolide da posizione quasi impossibile. La risposta della Roma è a dir poco evanescente: un colpo di testa alto di Giuly e una punizione fuori di Totti. Poi, alla mezz'ora, fiammata improvvisa con triangolo Pizarro-Totti-Pizarro, il Pek entra in area e viene steso: il capitano trasforma il rigore. A questo punto la gara sembra cambiare direzione. Dopo un tiro a lato di Pizarro, il vantaggio: bolide di Totti dal limite, Iezzo respinge male e Perrotta ribadisce in rete. Il minuto è il 41, la Roma controlla e si va negli spogliatoi con i giallorossi in vantaggio e il Napoli potenzialmente steso dall'uno-due subito.

Potenzialmente, perché appena si entra in campo si capisce che non è così. Nemmeno un minuto: Savini scende sulla sinistra (dimenticato da un Cicinho molto lacunoso), cross per Zalayeta che anticipa Pizarro e favorisce il fortissimo Hamsik che pareggia. E lo stesso Hamsik, qualche minuto dopo, sfiora anche il vantaggio, con un gran tiro di poco a lato. A questo punto, un copione che si ripeterà due volte, con la Roma in vantaggio più per fortuna che per altro, e il Napoli a pareggiare su amnesie incredibili. Al 7' destro da fuori di De Rossi e papera clamorosa di Iezzo. Il pareggio al 19', con un tiro dai 25 metri di Gargano su cui Curci non è né ben piazzato né reattivo. Due minuti dopo, ancora una grande azione di Lavezzi che a tu per tu con il portierino giallorosso timbra la traversa. In casa Roma, Spalletti manda dentro Cassetti per Cicinho e Vucinic per Mancini (quest'ultimo cambio assai discutibile). I giallorossi sembrano in difficoltà in fase offensiva, vengono aiutati ancora dalla fortuna e poi sprecano ancora una volta. Al 35' punizione di Pizarro, destro deviato da Garics e palla in rete. L'impressione che finalmente sia fatta dura sei minuti: poi, il gol di Zalayeta di cui sopra. Nel finale ingresso di Panucci per un impalpabile Giuly, poi nient'altro.

Si esce dalla partita con l'impressione che il Napoli abbia addirittura più da recriminare della Roma, che ancora una volta ha dimostrato gli spaventosi limiti caratteriali e di mentalità. Unico aspetto positivo, lo spettacolo (8 gol non capitano tutti i giorni), purtroppo goduto solo dagli abbonati per le note questioni di sicurezza. Per quanto concerne il campionato, fatto è che le altre, in un modo o nell'altro, vanno, i giallorossi no, e dovranno riflettere sui loro reali obiettivi e sulla concreta possibilità di uscire dal giro scudetto con molto, troppo anticipo.

Simone Luciani

Roma: Curci, Cicinho (15' st Cassetti), Mexex, Ferrari, Tonetto, De Rossi, Pizarro, Mancini (20' st Vucinic), Perrotta, Giuly (46' st Panucci), Totti. A disp.: Julio Sergio, Juan, Brighi, Barusso. All.: Spalletti.

Napoli: Iezzo, Cupi (33' st Contini), Cannavaro, Domizzi, Garics, Blasi, Gargano, Hamsik, Savini (38' st Calaiò), Zalayeta, Lavezzi (41' st Bogliacino). A disp.: Gianello, Montervino, De Zerbi, Sosa. All.: Reja.

Arbitro: Tagliavento di Terni.

Reti: 2' pt Lavezzi, 30' pt Totti (rig.), 41' pt Perrotta, 1' st Hamsik, 7' st De Rossi, 19' st Gargano, 35' st Pizarro, 39' st Zalayeta.

Note: spettatori 27.000. Ammoniti Lavezzi, Ferrari, Cupi, Hamsik, De Rossi.  

[21-10-2007]

 
Lascia il tuo commento