Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Caso Calipari: Indagato il Militare Statunitense Lozano

Omicidio volontario. E' questa l'accusa con cui la procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati il militare statunitense Mario Lozano, nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Nicola Calipari, il funzionario del Sismi fu ucciso dal "fuoco amico" il 4 Marzo scorso a Bagdad al termine dell'operazione per liberare la giornalista del manifesto Giuliana Sgrena.

L'ipotesi è stata formulata dal Capo del Pool Antiterrorismo Franco Ionta, in questo modo l'autorità giudiziaria italiano ha mostrato la sua indipendenza e la capacità di formulare indagini anche in assenza di risposte alla rogatoria inviata negli Stati Uniti. Secondo i magistrati romani, il militare di origine ispanico-americane avrebbe fatto fuoco violando le regole d'ingaggio e accettando il rischio di creare un danno agli occupanti del veicolo. Calipari fu raggiunto mortalmente alla testa da un colpo partito da un mitragliatore automatico: lo stesso proiettile ferì a una spalla Giuliana Sgrena, mentre un altro proiettile ferì il maggiore del Sismi che era alla guida della Toyota Corolla su cui viaggiavano i tre.

Il nome di Lozano fu reso noto grazie all'eliminazione degli omissis dal rapporto redatto dalla commissione d'inchiesta statunitense sulla morte di Calipari. Il 25 Ottobre scorso si era conclusa la perizia dei cinque esperti nominati dai Pm romani. Da questi rilievi è emerso che la vettura era stata raggiunta da almeno sette colpi d'arma da fuoco. Nei giorni scorsi i Pm della procura di Roma avevano predisposto una rogatoria per l'identificazione dei componenti della pattuglia americana, senza però ottenere alcuna risposta dagli Stati Uniti. Se la risposta continuerà a non arrivare anche l'inchiesta romana sarà destinata all'archiviazione "Di fronte al boicottaggio americano" ha dichiarato il Senatore Malabarba di Rifondazione Comunista, l'incriminazione del marine mostra comunque la dignità della magistratura romana"
 
 

[26-12-2005]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE