Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Speciale Primarie Pd
 
» Prima Pagina » Speciale Primarie Pd
 
 

Primarie Pd, come si vota?

istruzioni per l'uso

Il 14 ottobre si voterà per eleggere il segretario politico nazionale del Partito Democratico, i 2.400 componenti dell’assemblea costituente nazionale, i segretari politici regionali e i 4.800 componenti delle Assemblee Costituenti regionali. I componenti da eleggere saranno ripartiti fra i 475 collegi utilizzati per la quota maggioritaria della Camera dei Deputati nelle elezioni tra il 1994 e il 2001.

I seggi sparsi su tutto il territorio italiano sono 10mila. Saranno aperti dalle 7 alle 20 di domenica 14 ottobre. Bisogna presentarsi con la carta di identità o documento equipollente, con la tessera elettorale (non è richiesta ai minorenni ed ai cittadini stranieri), bisogna dichiarare di voler partecipare alla costituzione del Partito Democratico e versare almeno 1 euro. Tale infatti è il contributo alle spese richiesto.

Agli elettori saranno consegnate due schede: una per l’elezione nazionale e una per quella regionale. Ogni scheda presenterà tanti riquadri quanti saranno le liste presentate nel collegio. Ogni riquadro conterrà nell’ordine: il nome o logo della lista, il nome del candidato Segretario nazionale o regionale sostenuto dalla lista, i nomi dei rispettivi candidati all’Assemblea Costituente nazionale o regionale. Il voto si esprime con un unico segno in un qualsiasi punto di uno dei riquadri.

Possono votare tutti coloro che abbiano compiuto 16 anni alla data del 14 ottobre 2007 e che siano:
- cittadini italiani;
- cittadini dell’Unione Europea residenti in Italia;
- cittadini di altri paesi purché in possesso di regolare carta o permesso di soggiorno o documento equiparato (es: ricevuta rilasciata dagli Uffici postali attestante la regolare presentazione della richiesta di permesso o di suo rinnovo).

Voto dall'estero. Possono partecipare in qualità di elettori e di candidati tutte le cittadine e i cittadini italiani iscritti all’AIRE che alla data del 14 ottobre abbiano compiuto sedici anni di età. Partecipano altresì, anche se non iscritti all’Aire, i militari in missione, il personale del corpo diplomatico e consolare, gli studenti Erasmus, i ricercatori universitari all’estero, i cittadini italiani residenti temporaneamente all’estero.

Possono votare all’estero, considerati come fuori sede, coloro che il 14 ottobre 2007, si trovino lontani dal loro rispettivo luogo di residenza, dando informazione scritta al comitato locale per il voto all'estero, così come avviene per i fuori sede in Italia.

[09-10-2007]

 
Lascia il tuo commento