Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Speciale Primarie Pd
 
» Prima Pagina » Speciale Primarie Pd
 
 

Guida alle Primarie Pd

cosa sono e dove si vota

Domenica 14 ottobre 2007 si svolgeranno, prima volta in Italia, le elezioni primarie per la scelta del segretario nazionale di un partito, il nascituro Partito Democratico. Potranno votare tutti i cittadini residenti in Italia o con permesso di soggiorno che abbiano compiuto 16 anni, pagando una quota minima di 1 euro. I candidati sono Walter Veltroni, Rosy Bindi, Enrico Letta, Mario Adinolfi, Jacopo Gavazzoli Schettini e Pier Giorgio Gawronsky.

Le elezioni primarie sono una competizione elettorale attraverso la quale gli elettori o i milanti di un partito politico decidono chi sarà il candidato del partito (o dello schieramento politico del quale il partito medesimo fa parte) per una successiva elezione di una carica pubblica.

Sono utilizzate in particolar modo negli Stati Uniti d'America. Nel Paese nordamericano i cittadini per poter votare alle elezioni devono "iscriversi" in un apposito registro presso uno dei partiti in lizza. L'iscrizione può aver luogo in qualità di aderente o indipendente.

Di solito, un anno prima della competizione elettorale, gli "iscritti" presso un partito (i due principali negli USA sono il Repubblicano e il Democratico) sono chiamati a scegliere il candidato che rappresenterà il partito nella competizione.

In Italia le elezioni primarie non sono previste o regolamentate per legge, come avviene negli USA. Il primo caso di elezioni primarie di rilievo nazionale si è avuto il 16 ottobre 2005, allo scopo di scegliere il candidato Presidente del Consiglio dei Ministri della coalizione di centrosinistra, L'Unione per le elezioni politiche tenutesi nella primavera del 2006. L'esordio italiano delle primarie ha visto la partecipazione di più di 4 milioni di persone e la vittoria (con circa il 74% dei consensi) di Romano Prodi fra i sette candidati disponibili, prevalendo su quattro segretari di partito e due esponenti indipendenti. Clemente Mastella ha affermato, nell'ottobre del 2006, che si è sopravvalutato il numero dei partecipanti; affermazione però immediatamente smentita dagli organizzatori delle Elezioni Primarie stesse.

Il sistema di voto usato è stato quello di "una testa un voto" a scrutinio segreto; i votanti erano chiamati a versare la somma simbolica di 1 euro per finanziare la campagna elettorale dell'Unione. Potevano partecipare alle primarie anche gli stranieri residenti in Italia e le persone che compivano i 18 anni entro la data delle elezioni politiche, il 10 aprile.

Il 14 ottobre si vota dalle 7.00 alle 20.00. I seggi saranno più di diecimila, ecco come trovare quello più vicino a casa.

DOVE SI VOTA

[07-10-2007]

 
Lascia il tuo commento