Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Volley maschile
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Volley romano » Volley maschile
 
 

Roma cede al tie break

In vantaggio per 2-0 i romani subiscono la rimonta di Padova

ANTONVENETA PADOVA - M. ROMA VOLLEY 3-2
(23-25, 21-25, 25-23, 25-23, 15-11)

ANTONVENETA PADOVA: Garghella (L), De Togni 11, Olli, Esko 2, Platenik 20, Perazzolo 20, Diaz 18, Mayorca 19, Bontje 15, De Marchi. NE: Quarti, Tovo (K), Bellini. All. Bagnoli Bruno.

Battute sbagliate: 19 Muri: 19 Errori: 33 Ace: 5

M. ROMA VOLLEY: Henno (L), Savani 13, Coscione, Tofoli (K), Marshall 5, Molteni 4, Hernandez, Kooistra 13, Miljkovic 26, Semenzato 9. NE: Giretto, Romero. All. Serniotti Roberto.

Battute sbagliate: 13 Muri: 11 Errori: 25 Ace: 2

ARBITRI: Roberto Locatelli, Paolo Barbero.
NOTE: Spettatori 1800, incasso 4500.

Nomination MVP: Bontje Rob

Durata set: 27', 27', 26', 27', 16' tot: 123'.

“Abbiamo buttato via l’incontro”. Commenta così il capitano della MRoma Volley Paolo Tofoli, al termine della partita contro Padova, che ha visto i capitolini perdere al tie break. Era iniziata nel migliore dei modi la trasferta per i romani che, sopra per due set a zero, sembravano avere in mano le redini della gara. La MRoma è entrata in campo nel primo parziale con una formazione rimaneggiata rispetto alle previsioni, priva di Mastrangelo, rimasto a Roma, e di Marshall, utilizzato solamente dal terzo set a causa di un problema alla coscia sinistra accusato nell’allenamento del mattino. I sette in campo (Coscione in regia con Miljkovic in diagonale, Molteni e Savani in attacco a banda, Kooistra e Semenzato al centro, con Henno libero) hanno però dimostrato caparbietà e maggiore lucidità degli avversari nei finali di set, nonostante i continui break e controbreak.

Sotto di due, l’Antonveneta riesce però a non perdere la testa e nel terzo set rientra in campo più combattiva che mai. Sopra per 8-3 al primo time out tecnico, i ragazzi di Bagnoli riescono ad incrementare ulteriormente il loro vantaggio fino al punteggio di 18-12, di fronte al quale non può niente la timida rimonta della MRoma. E’ Platenik, lo schiacciatore serbo di 196 cm capace di una percentuale di positività in attacco del 75%, a trascinare i suoi fino alla vittoria del parziale per 25-23. Il quarto set sembrava iniziare nel modo giusto per i capitolini, avanti per 5-1, e completamente padroni del campo. Ma Padova non ci sta e, sostenuta dal suo calorosissimo pubblico, inizia una rimonta nella rimonta. Ancora sotto per 18-15, non perde il controllo e grazie a tre muri consecutivi di De Togni e alle battute di Bontje passa a condurre per 23-20 con un break di 8 a 2; è poi il solito Platenik a chiudere i giochi riportando in parità il quoziente set. Il tie break è un susseguirsi di emozioni. Padova conduce fin dai primi punti ma Roma è lì con il fiato sul collo, come testimoniano i parziali (5-4, 10-6, 12-10). Trascinati dall’impeto della rimonta, i ragazzi di Bagnoli mettono poi il piede sull’acceleratore e chiudono set con il punteggio di 15-11, andando a concludere nel migliore dei modi l’incredibile recupero iniziato nel terzo set.

Soddisfatto al termine dell’incontro Bruno Bagnoli, mister dell’Antonveneta Padova: “Sono molto contento della nostra prestazione a muro e nel cambio palla. Davvero molto convincenti le prove di Platenik e De Togni mentre Bontje ha confermato quanto di buono ha fatto vedere nelle amichevoli precampionato”. Non fa drammi della sconfitta Roberto Serniotti, allenatore della MRoma: “Sul 2-0 avevamo in mano la partita e abbiamo buttato via una bella occasione. A mio avviso la sconfitta in Supercoppa non ha inciso su questa prestazione perchè in settimana ci siamo allenati meglio del solito e qualcosa si è visto. Sicuramente dobbiamo lavorare ancora molto, ma sono tranquillo”.

Giulia Sampognaro

[01-10-2007]

 
Lascia il tuo commento