Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Festival del Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema » Festival del Cinema
 
 

Festa del Cinema, atto II

Veltroni ''tra Venezia e Roma competizione virtuosa''

I numeri della Festa del Cinema promettono sorprese:167 titoli, 14 opere prime, 14 film in concorso, 15 anteprime mondiali, 18 nazionalità rappresentate, 10 attori premi Oscar, 7 sale proiezioni solo nell’area dell’Auditorium. La Festa Internazionale del cinema di Roma accelera i motori e davanti alla stampa di tutto il mondo svela ogni dettaglio della faraonica manifestazione. Eccetto uno: come in ogni festival che si rispetti, anche il neonato-prodigio dell’industria romana manterrà ancora il segreto su un “film sorpresa” incluso nella sezione in Concorso.

Extra a parte, dedicata alla sperimentazione presentata la scorsa settimana, le sezioni cardine della Festa sono tre: Cinema 2007, Première e Alice nella Città. Cominciamo allora dalle proposte di Cinema 2007, suddivise tra opere in concorso, fuori concorso e iniziative speciali. Dei 1122 film visionati ne sono stati scelti 22, di cui 14 in concorso che saranno giudicati da una giuria di 50 membri presieduta dal Premio Oscar Danis Tanovis.

Ad aprire la Festa Le deuxième souffle di Alian Corneau con Daniel Auteil e Monica Bellucci; tra i titoli troviamo Caotica Ana di Julio Medem, El pasado di Hectori Babenco, La giusta distanza di Carlo Mazzacurati. Fuori concorso, invece, uno dei grandi eventi di questa edizione: Lions for Lambs, l’ultimo film di Robert Redford con un cast stellare che vede in scena Maryl Streep e Tom Cruise. La sezione Première, considerata la più scintillante e pop, cerca quest’anno di trovare un equilibrio più solido tra glamour e qualità. Lo fa invitando a sfilare sul red carpet ben 10 Premi Oscar. Oltre Robert Redford, Cate Blanchett, Geoffrey Rush, Francis Ford Coppola, Reese Whirespoon, Sean penn, Robin Williams, Halle Barry, Tim Robins, Gavin Hood. Nello stesso tempo riuscendo ad accalappiare opere di rilievo che, in qualche modo, segnano un ritorno all’impegno del cinema hollywoodiano: dall’ultimo film di Sean Penn, a Rendition di Gavin Hood, a Noise, apologo ambientalista di Henry Bean. E poi c’è Elizabeth: The Golden Age film inglese dell’indiamo Shekhar Kapur. Ma l’evento più atteso, in anteprima mondiale, è il noir filosofico di Coppola che ritorna alla regia dopo dieci anni con Youth Without Youth. La selezione italiana è rappresentata dagli opposti Giorni e nuvole di Silvio Soldini e La terza madre di Dario Argento, ultimo episodio della trilogia delle Madri, cui verrà dedicata una maratona e un apposito “black carpet”. Poi c’è Alice nella città: 14 film, 8 anteprime mondiali, tutti talenti rappresentativi del cinema giovane, tra cui l’italianissimo fenomeno Winx. La festa sarà inaugurata da un concerto dedicato alla settima arte la sera del 18 al Teatro Sistina, e si chiuderà con le musiche di Ennio Morricone la mattina del 27 nella Sala Santa Cecilia.

"E' un programma molto bello, lo dico da appassionato e non da sindaco". Con queste parole Walter Veltroni ha aperto all'Auditorium Parco della Musica, la presentazione della seconda edizione della Festa internazionale del Cinema in programma a Roma dal 18 al 27 ottobre. "Sarà sempre di più festa della città e anche della Provincia e della Regione - ha proseguito Veltroni, sottolineando che la Festa di Roma porta in dote il successo dello scorso anno, testimoniato dalle 480 mila persone che l'hanno frequentata. Veltroni ha poi ricordato che lo scorso anno tutto cominciò "con l'idea di una guerra Venezia-Roma. In Italia non c'é quasi nulla di pubblico che possa essere nella percezione diverso da una guerra. O è conflitto o non è in Italia, e questo nonostante tutti i nostri sforzi per dire che non era così se non in termini di competizione virtuosa.

 
 

[27-09-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE