Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Il Mamiani contro i ritardi

studenti chiedono assemblea per discutere l'orario

la protesta degli studenti al Mamiani

Alcuni studenti del Collettivo del Liceo Clasico Mamiani, in viale delle Milizie 30, questa mattina, di fronte all'ingresso della scuola, hanno raccolto circa 200 firme tre i loro colleghi, per chiedere al preside di poter organizzare un'assemblea straordinaria alle 11.30 nella quale discutere dell'orario di accesso. Nei giorni scorsi gli studenti avevano già manifestato a più riprese contro la decisione dell'istituto di chiudere i cancelli alle 8.10 e di sanzionare un numero eccessivo di ritardi. Una studentessa prima di entrare ha appeso uno striscione con la scritta "Questa scuola non è un carcere", firmato Mamiani/Rebibbia.

Lo stricione è stato staccato verso le 9.30 da un bidello. Mentre mentre ieri notte alcuni studenti avevano impacchettato il
cancello d'ingresso
della scuola con 40 metri di cellophane, che però è stato rimosso non appena è arrivato il personale
scolastico.

Questa mattina sono 10 gli studenti che non sono riusciti ad arrivare entro l'orario prestabilito. Gli fanno compagnia altri 20 studenti del Collettvo Mamiani, rimasti fuori per organizzare la protesta. "Fino allo scorso anno era tollerato l'ingresso anche fino alle 8.25 - dice Cecilia, studentessa del IV anno - non capisco perché tutta questa rigidità da quest'anno, non vogliamo che il Mamiani diventi una caserma dove il preside impone le sue direttive senza ascoltare le
nostre esigenze".

Clima più sereno al liceo Mamiani solo dopo il colloquio svoltosi tra il preside dell'istituto ed una delegazione di studenti. Il preside ha autorizzato per domani mattina alle ore 11.00 un'assemblea degli studenti per discutere dei problemi sollevati dai ragazzi riguardo alle nuove disposizioni sull'orario di accesso all'istituto.

[26-09-2007]

 
Lascia il tuo commento