Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Sciopero medici di famiglia

nel Lazio adesione tra il 90 e 95%

Le adesioni allo sciopero nazionale dei medici di medicina generale del Lazio dovrebbero oscillare tra il 90 ed il 95%.

Sono i primi dati resi noti dalla Fimmg regionale sulla base delle lettere inviate alle Asl dai medici entro la mezzanotte di mercoledì scorso. A fine giornata si sapranno le cifre effettive. Rinviato invece per problemi di autorizzazioni il presidio permanente a piazza della Repubblica, annunciato nei giorni scorsi.

I medici di famiglia scioperano per il rinvio del rinnovo di convenzioni e contratti scaduti, secondo la Fimmg questo rinvio rappresenta una grave inadempienza di Governo e Regioni. 

Quello annunciato per oggi da parte della segreteria nazionale della Fimmg è uno sciopero irresponsabile". Lo dichiara, in una nota, Giuseppe Scaramuzza, segretario regionale di Cittadinanzattiva -Tribunale per i diritti del malato. "Pensavamo che gli scioperi corporativi - continua Scaramuzza - dove si chiedevano solo aumenti economici in busta paga erano finiti, invece scopriamo che una categoria del Paese pretende tutto ciò senza aumentare il servizio. Alla faccia del bene comune. Nel Lazio la situazione socio-sanitaria è gravissima. In una regione dove i servizi territoriali stentano a decollare proclamare un' astensione simile è veramente vergognoso. Se veramente i medici hanno a cuore le sorti dei loro pazienti, aggiunge Scaramuzza, sospendano questo sciopero e si dedichino per una giornata intera ai loro pazienti, senza lasciarli per tre giorni in balia di se stessi".

 

[21-09-2007]

 
Lascia il tuo commento