Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tecnologie
 
» Prima Pagina » Tecnologie
 
 

L'Ipod si rinnova

Nei giorni scorsi Apple ha presentato una nuova linea di prodotti che andranno a sostituire i fortunati Ipod Nano e Ipod Classic. Si tratta in effetti di un restyling per gli Ipod già in commercio e della presentazione di un nuovo prodotto, molto simile all' iPhone.

I nuovi IPod nano si presentano più bassi, più larghi ma dallo spessore invariato. Per l’Ipod Nano troviamo un ampio display a colori da 2 pollici di diagonale e risoluzione QVGA di 320x240 pixel. Questa caratteristica permette un'ottima riproduzione video e quindi di poter finalmente competere con il fratello maggiore IPod Classic. Basato su memoria flash, sarà disponibile nella versione da 4GB e 8GB rispettivamente al prezzo di 149,00 Euro e 199,00 Euro.

Anche per l'IPod Classic è stato effettuato un piccolo ritocco allo chassis attraverso l'utilizzo dell'alluminio per la parte anteriore, anzichè il policarbonato lucido. Le colorazioni previste saranno il grigio e nero, mentre le capienze saranno di 80GB e di ben 160GB.Lo schermo, invece, prevede una risoluzione di 320x240 pixel e una diagonale di 2,5 pollici. E' proposto sul mercato al prezzo di 249,00 Euro per la versione da 80GB e 340,00 Euro per la versione da 160GB.


La sorpresa tanto annunciata non ha deluso le nostre aspettative: Ipod Touch. Dobbiamo subito dire che il suo aspetto estetico, cosi come il suo cuore hardware, richiamano in tutto e per tutto l'iPhone. Schermo da 3,5 pollici e sistema di puntamento multitouch. Caratteristica interessante è la connettività Wi-fi che permetterà di collegare il vostro Ipod ad una rete Wireless e navigare attraverso il browser Safari. Non è ancora nota la possibilità di installare applicazioni, ma se cosi fossi, ci troveremmo davanti ad un vero e proprio palmare. Basato anch'esso su memoria flash, viene lanciato in due versioni: 8GB a e 16GB di capienza, ai prezzi di 299,00 Euro e 399,00 Euro.

 

Per consigli o segnalazioni scrivete a: tecknologie@corriereromano.it

Stefano Soriano

[18-09-2007]

 
Lascia il tuo commento