Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Mclaren: cancellati i punti nel mondiale costruttori, assolti i piloti

Il team dovr pagare anche 100 milioni di dollari di ammenda. La Ferrari: ''Siamo soddisfatti''. Ma i tifosi sono delusi.

Punizione sì , stangata no. E' questo in sintesi il verdetto del Consiglio Mondiale della Fia che è arrivato intorno alle 19,15 dopo ore di trepidante attesa e ricche di tensione, farcite di indiscrezioni che alla fine si sono rivelate poco attendibili. La Mclaren, imputata per spionaggio ai danni della Ferrari, è stata condannata al pagamento di 100 milioni di dollari e all'azzeramento dei punti conquistati nel mondiale Costruttori 2007 (che significa altra batosta soprattutto dal punto di vista economico). Una decisione che offre la chance alla Casa di Maranello di laurearsi campione nella classifica più amata dal Drake già domenica a Spa, considerando il vantaggio di 54 punti sulla Bmw. Contrariamente alle previsioni però, nulla muta nella classifica piloti: Hamilton ed Alonso non hanno ricevuto alcuna penalità e con ogni probabilità dunque saranno esclusivamente loro due a giocarsi il titolo fino all'ultimo GP.

Ron Dennis ha definito "ingiusta" la sanzione, aggiungendo tuttavia che "la cosa più importante è che andremo a correre questo weekend, per il resto della stagione e per tutte le altre stagioni. I nostri piloti possono continuare a competere per il campionato del mondo". La Ferrari invece, in un comunicato diffuso qualche ora dopo la sentenza, si è detta "soddisfatta che sia emersa la verità su questa vicenda" e che "siano stati ulteriormente comprovati fatti e comportamenti di eccezionale gravità". Non la pensano però allo stesso modo molti tifosi della Rossa, che nei vari forum della Rete dedicati all'argomento hanno espresso generalmente una grande delusione per una punizione ritenuta troppo lieve.

Alla fine quindi è stato premiato l'atteggiamento di Fernando Alonso. Lo spagnolo infatti, come annunciato, non è andato a Parigi (al contrario di De la Rosa ed Hamilton, interrogato per tre ore) e si trova già a Spa, da dove ha dichiarato, ben prima che fosse nota la decisione della Fia, di essere concentrato solo sulla gara, sul set-up e sulle previsioni meteo e di non aver tempo da perdere per pensare ad altro. Touché.

Giuseppe Ciliberto

[13-09-2007]

 
Lascia il tuo commento