Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Riapre il Campidoglio

subito delibere su commercio e bilancio

L’aula Giulio Cesare riapre dopo la pausa estiva: i primi argomenti al vaglio dei consiglieri saranno questioni inerenti al commercio e il bilancio, ma ad ottobre  si inizieranno ad affrontare i nodi cruciali della stagione: primo fra tutti la delibera che riguarda i 550milioni di euro assegnati alla città dalla legge per Roma capitale.

La maggioranza ha anticipato che la destinazione di questi soldi sarà mirata ad interventi nel settore delle infrastrutture e della viabilità, così come dichiarato a luglio, a margine dell’approvazione dei piani di zona, delle delibere cioè sulle nuove 30 aree dove sorgeranno nuovi complessi residenziali.

I  lavori del consiglio comunale riprendono, in una atmosfera politica che rischia di essere radicalmente cambiata, rispetto a quella respirata in aula Giulio Cesare fino a poche settimane fa. Lo testimoniano le polemiche che accompagnano, in Provincia, la sfiducia al vicepresidente Nando Simeone, di rifondazione comunista. La richiesta di dimissioni è stata avanzata da margherita e ds a causa dela partecipazione di Simeone ad iniziative non condivise dalla maggioranza. La crisi tra Rifondazione e Margherita e ds potrebbe spostarsi da palazzo Valentini al Campidoglio.  

Per qualcuno è il laboratorio Roma a rischiare il naufragio a causa del terremoto interno al centro sinistra provocato dalla nascita del partito democratico, che spingerebbe la nuova formazione ad emarginare la sinistra radicale.

Il laboratorio Roma, creato da Goffredo Bettini in aula Giulio Cesare, aveva saputo creare una realtà autonoma dalle logiche che governavano i rapporti tra le forze de centrosinistra.

[12-09-2007]

 
Lascia il tuo commento