Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

I caduti della Montagnola

commemorazione in XI municipio

Era il 10 settembre del 1943 e 53 cittadini romani, persero la vita nel piazzale della Montagnola, per opporsi all’invasione nazista. Dopo 64 anni, è ancora molto sentita l’esigenza di rendere omaggio ai caduti della resistenza romana, tra cui Quirino Roscioni, fornaio della Montagnola.

Tutti ricordano l’8 settembre del ‘43, pochi sanno che a Roma si lottò contro i nazisti fino al 10, ben oltre dunque la firma dell’armistizio. Una resistenza forte e decisa quella combattuta nel quartiere romano, oggi testimoniata e raccontata da chi c’era, in ricordo di chi non c’è più. “Fortunato quel paese che non ha bisogno di eroi” sosteneva l’autore tedesco Bertolt Brecht, l’Italia se oggi ricorda le sue vittime non è tra gli eletti. E non può dimenticarlo.

Alla commemorazione erano presenti circa 60 persone, tra le quali l'assessore comunale ai lavori pubblici Giancarlo D'Alessandro, il presidente del Municipio XI, Andrea Catarci, ed il generale dei granatieri di Sardegna Mario Buscemi. In piazza la Banda musicale dei Granatieri di Sardegna Divisione di Roma"; nella battaglia della Montagnola morirono 26 soldati. "Oggi siamo qui per ricordare quell'estate del 1943 che ha cambiato la nostra vita - ha detto D'Alessandro - è importante preservare la pace e la libertà degli individui e della comunità sociale, è un impegno solenne del Comune".

 

[10-09-2007]

 
Lascia il tuo commento