Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tacco a spillo
 
» Prima Pagina » Tacco a spillo
 
 

L'addio di Valentino alla moda

Qualcuno lo aveva sospettato che il grande evento organizzato lo scorso luglio a Roma fosse l'ultimo saluto di Valentino al mondo della moda. E questo qualcuno ci aveva visto lungo perchè è del 4 settembre la notizia del ritiro del grande stilista.

La griffe, creata da Valentino 45 anni fa, da gennaio 2008 non avrà più il suo maestro. L'ultima collezione pret-a-porter firmata da Garavani andrà infatti in passerella il prossimo ottobre a Parigi; nella stessa città sfilerà solo tre mesi dopo l'ultima haute couture.

Commentando la festa di questa estate il sarto afferma: "sarebbe impossibile eguagliare l'emozione e la gioia per l'amicizia e la considerazione che il mondo intero ha voluto esprimermi in questa occasione. Pertanto ho deciso che questo è il momento perfetto per dire addio al mondo della moda. Mi piace pensare, come dicono gli inglesi 'I would like to leave the party when it's still full' (mi piacerebbe lasciare la festa quando ci sono ancora tutti)".

A prendere in mano le redini del marchio è Alessandra Facchinetti, classe 1972, figlia di Roby Facchinetti dei Pooh e nuovo direttore creativo della maison per le collezioni donna.

 

La giovane stilista, ricevuto il nuovo incarico, ha dichiarato: "Sono onorata di far parte di questo nuovo progetto. Il signor Valentino è sempre stato per me un punto di riferimento, icona per stile e eleganza. La mia ammirazione e il mio rispetto per lui sono infiniti. Mi dedicherò alla nuova avventura con grande entusiasmo e passione, facendo tesoro di tutto quello che è stato fatto fino ad oggi, per essere pronta a presentare la mia prima collezione a marzo."

Cos'altro si può dire a 35 anni con una responsabilità del genere sulle spalle? Speriamo di non dover rimpiangere presto lo stile inconfondibile di Valentino che resta un impareggiabile maestro e genio nel suo genere.

A. Pietroforte

ale_pietroforte@libero.it 

 

 


 

 

 

[06-09-2007]

 
Lascia il tuo commento