Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Nuovo prefetto di Roma

Achille Serra :''Mosca regalo per Roma''

Primo giorno di lavoro per il nuovo Prefetto di Roma. Carlo Mosca si è insediato al posto di Achille Serra, che va a dirigere l'Alto Commissariato per la Lotta Contro la Corruzione. Mosca, che negli ultimi anni è stato Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno, è orginario di Milano dove insegna alla Facoltà di Sociologia dell'Università Cattolica.

Carlo Mosca ha alle spalle una lunga carriera trascorsa ai vertici dell’Ufficio Legislativo Centrale e al Minisetro dell’Interno. Achille Serra ha commentato così la storia del suo successore:"Mosca è un uomo di grande cultura è un regalo per Roma"

"Penso che le esigenze siano nei fatti, a me sembra che a Roma l'esigenza fondamentale sia proprio la sicurezza. Mi fa piacere anche ricordare che oggi è il tre settembre, data in cui fù ucciso dalla mafia Carlo Alberto Dalla Chiesa e che prendo da esempio per il mio lavoro"

Milanese ma romano d’adozione ha vissuto anche alcuni anni fuori dall’Italia, tra Stati Uniti, Francia e Germania. Laureato in Giurisprudenza insegna attualmente alla Cattolica di Milano e in passato è stato docente di diritto penale a La Sapienza.

Da lui, dunque, ci si aspetta grande capacità gestionale e quell’apertura mentale la vita all’estero e a contatto con i giovani sanno conferire. Non sono pochi i problemi che si troverà ad affrontare. La sicurezza è un tema sempre più caldo: le giuste richieste dei cittadini si incrociano anche con un clima da campagna elettorale, in cui il Sindaco, per dimostrare di poter condurre un partito democratico, deve anche poter presentare Roma come una città specchio di legalità oltre che di solidarietà. Altra questione calda che Mosca eredita dal Prefetto uscente è l’esiguo numero di uomini nei vari commissariati e compagnie: è di pochi mesi fa lo scandalo delle poche pattuglie a disposizione per gli interventi notturni in periferia. Roma, poi, rimane una città particolare, con l’incubo mai troppo lontano di attentati, le sacche crescenti di microcriminalità e uno stadio Olimpico teatro, in passato, di piccole guerriglie urbane.

 
 

[02-09-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE