Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Lady Asl, restituiti 38 milioni

parte delle tangente ripartita tra le Asl

Un piccolo tesoro di 38 milioni di euro, un "fondo tangenti sanità", destinato ai politici è stato restituito alla Regione Lazio. E' quanto ha disposto il gip del Tribunale di Roma, Adele Rando, su richiesta del procuratore della Repubblica, Giovanni Ferrara e del procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, il coordinatore dell'inchiesta sulla mega truffa alle Asl, ordinando la restituzione alle Asl Rm B e Rm C di oltre 37 milioni di euro, sequestrati dai carabinieri a Lady Asl, cioè Anna Iannuzzi, l'imprenditrice della sanità privata e al marito Andrea Cappelli.

La procura, inoltre, ha ottenuito dal gip Luisanna Figliolia, il sequestro di 1 milione e 800 mila euro, soldi scoperti su due conti riconducibili sempre a Iannuzzi e Cappelli, nonché il sequestro preventivo di quattro immobili, del valore di svariati milioni di euro, tra cui una villa.

Anna Iannuzzi, detta Lady Asl, è stata condannata a otto anni di carcere, suo marito invece a sei anni, nell'ambito dell'inchiesta delle tangenti sono finiti anche dei politici, tra questi il consigliere regionale Giulio Gargano e Giorgio Simeoni.

 
 

[04-08-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE