Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tacco a spillo
 
» Prima Pagina » Tacco a spillo
 
 

Non è facile essere la Signora Beckham...

Victoria Adams è una donna poliedrica, all'apparenza sofisticata e molto ricca. Da tempo più nessuno la chiama con il suo cognome da ragazza, almeno da quando ha coronato quello che sembrava essere il sogno di tutte le ragazze inglesi in età da marito: sposare un principe azzurro di nome David Beckham.

Chi non ricorda la giovanissima Victoria quando cantava (poco) con le Spice Girls col soprannome di "Posh Spice"? Già da allora tra le 5 ragazze era quella più elegante e alla moda... Da quando è diventata la Signora Beckham, Victoria non ha fatto altro che posare per i giornali di mezzo mondo, oltrepassare il limite dell'anoressia, anticipare la moda, cambiare taglio e colore di capelli ad ogni stagione e traslocare ogni anno per seguire il marito.

Ah, dimenticavo la parte più importante, Victoria ha soprattutto messo al mondo gli eredi della "dinastia" Beckham e ingoiato in silenzio i tradimenti e i flirts di quel galletto di David.

Non c'è foto che non ritragga la Signora Beckham con l'ultima borsa di Hermes, le scarpe di Prada o un tubino di Gucci. Mai fotografata con un capello fuori posto, con mezzo centimetro di ricrescita, senza smalto ai piedi o le occhiaie...

Ci sarebbe da invidiarla, se solo non fosse che sono rarissimi gli scatti in cui Victoria appare sorridente, serena (non mi azzardo a dire felice!) o con almeno l'aria di chi è appagata e soddisfatta...

Se è vero che le donne quando non sono contente cambiano colore o taglio di capelli, come bisogna interpretare i continui cambi di look di Victoria?

Forse non sempre la ricchezza, il lusso, un marito bello ma fedifrago e tanta celebrità, contrariamente a quanto si possa pensare, garantiscono un'esistenza felice e il successo, soprattutto dopo la fredda accoglienza che la coppia ha riscosso al suo arrivo in America...

A. Pietroforte

ale_pietroforte@libero.it 

 

[31-07-2007]

 
Lascia il tuo commento