Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Targhe Alterne e Domeniche A Piedi: La Qualita' dell'Aria Non Migliora

Dopo due domeniche a piedi e cinque giorni di targhe alterne la musica è sempre la stessa; le centraline che rilevano le emissioni di inquinanti continuano a registrare valori sopra i limiti consentiti dalla legge.

Nel giorno in cui a non poter circolare sono solo le targhe pari, da Arenula a Magna Grecia, da Fermi a Cinecittà i valori di veleni nell'aria sono alle stelle, i dati si riefriscono a ieri ma insomma sembra proprio che i provvedimenti anti-smog, che il comune deve prendere per forza di cose, abbiano un efficacia limitata.

Arriva dunque dal ricercatore del CNR Mario Tozzi, che di inquinamento se ne intende, la proposta di fare della viabilità romana quello che già si fa in altre citta italiane; cioè chiudere il centro storico al traffico in via definitiva.

Il blocco è efficace solo per la giornata in cui è in vigore. Il sindaco è obbligato a prendere questo tipo di misure anti smog. Si potrebbe provare però ad essere un po' più coraggiosi e, come accade in altre città italiane tipo Perugia, provare a chiudere il centro storico in via definitiva alle vetture private.

Dalle 15 fino alle 21 di oggi non potrano circolare in tutta la fascia verde le auto con l'ultimo numero della targa pari.

Negli stessi orari moto e motorini "euro 0" non potranno entrare nella ztl del centro storico.
La circolazione sarà consentita alle auto "euro 4", a quelle alimentate a gpl o metano, a quelle a trazione elettrica o ibrida ed ai veicoli per portatori di handicap. L'elenco completo delle categorie che possono circolare in deroga al divieto può essere consultato sul sito http://www.assessoratoambiente.it/

[16-02-2006]

 
Lascia il tuo commento