Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Atac, nuove emettitrici di biglietti

costano 4,6 milioni di euro

la nuova macchina emettitrice di biglietti

Dopo i varchi arrivano le nuove Meb. Si tratta delle duecento macchine emettitrici di biglietti – meb appunto – che compariranno nelle stazioni della metropolitana entro dicembre. Le emettitrici saranno dotate di una tecnologia di ultima generazione che introduce diverse novità, soprattutto per la sicurezza degli utenti. Le Meb saranno collegate ventiquattro ore su ventiquattro al Centro di Controllo Atac tramite un sistema di video-sorveglianza – un grande occhio scuro a destra della macchina – che sorveglierà sul buon funzionamento delle Meb scongiurando eventuali atti vandalici o tentativi di furto.

Vi sarà poi una serratura di sicurezza motorizzata accessibile ai soli addetti specializzati, una bocchetta di inserimento monete antifrode per impedire manomissioni esterne e speciali sensori che innescano l’allarme in caso di tentativi di spostamento. Inoltre, le emettitrici sono dotate di un interfono che permette la comunicazione in tempo reale tra gli addetti alla manutenzione e il centro di Controllo Atac. Per facilitare l’accesso all’emissione dei biglietti è stata anche semplificata l’interfaccia del monitor, che consentirà l’acquisto del Bit, del biglietto giornaliero, della Carta settimanale e del biglietto turistico, accettando monete e banconote di tutti i tagli, fino a cinquanta euro. Delle vecchie macchine, invece, trentacinque verranno aggiornate e collocate nei principali capolinea della città, mentre altre 215 verranno specializzate alla vendita dei soli bit, il titolo di viaggio più richiesto.

Il programma di rinnovamento delle Meb prevede un investimento di 4,6 milioni di euro per le nuove macchine, e trecentomila euro per l’aggiornamento delle vecchie, interamente a carico del Comune. La società vincitrice della gara d’appalto è la Ducati Sistemi Spa, che per un anno si occuperà anche della manutenzione delle macchine, facendo dimenticare – si spera – ai cittadini le disavventure vissute con la vecchia fornitrice delle macchine.

 
TAG: metro
 

[24-07-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE