Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Uccide e poi finge il rapimento

romeno arrestato dai Carabinieri

Un pluripregiudicato senza scrupoli, con alle spalle già diversi anni di galera scontati in Romania. Questo il profilo che Italo Ormanni, procuratore aggiunto, ha fatto di Vasile Manea, 56 anni, operaio rumeno capace di uccidere il connazionale di 23 anni Gheorghe Marin, farlo a pezzi, occultarne il cadavere e chiedere a sua madre un riscatto.

I carabinieri cominciano una serie di pedinamenti e il 13 luglio fermano Manea nel luogo fissato per un incontro con la madre. L’interrogatorio è lungo e gli inquirenti notano un pò troppe contraddizioni nel racconto dell’assassino: perquisiscono la casa in cui lui e Marin, l’ucciso, stavano svolgendo insieme dei lavori.

Il Ris rileva tracce di sangue in varie parti della casa e attraverso intercettazioni telefoniche scopre il delitto. L’interrogatorio è lungo e gli inquirenti notano un po’ troppe contraddizioni nel suo racconto: perquisiscono la casa in cui lui e Marin stavano svolgendo insieme dei lavori. Gli uomini del ris rilevano tracce di sangue in varie parti della casa. Il resto lo scoprono i carabinieri attraverso intercettazioni telefoniche. Manea viene fermato: lui nega inizialmente, poi cede e confessa. Ha ucciso lui Gheorghe Marin: lo ha fatto il 6 luglio, lo stesso giorno in cui dell’ucciso si perdono le tracce.

Con un colpo solo, ma fatale, alla testa, servendosi di una mazzetta di ferro. Forse un colpo da dietro, improvviso, inaspettato dalla vittima. Gli inquirenti non possono saperlo: il cadavere, sarebbe stato fatto a pezzi, messo in una busta e gettato in un bidone della spazzatura. Per questo sono tuttora in corso le ricerche.

Il movente non è stato ancora chiarito: non regge la spiegazione data da Manea, di aver ucciso marin perché quest’ultimo non voleva che frequentasse ancora la madre, con cui aveva avuto una relazione in passato. Secondo gli inquirenti alla base del delitto ci sarebbe più probabilmente una somma di denaro che l’assassino non voleva restituire alla vittima.

[23-07-2007]

 
Lascia il tuo commento