Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Bimbo scomparso

era tutta un'invenzione del padre

Voleva attirare l’attenzione sul suo caso e creare problemi all’ex moglie. Per questo un algerino di 42 anni con passaporto olandese ieri pomeriggio si è rivolto alla polizia ferroviaria raccontando di aver perso il figlioletto tra la folla della stazione Termini. Gli investigatori della Questura di Roma hanno impiegato qualche ora, poi la verità è emersa: l’uomo, Mourad Grairia, si è inventato tutto. Roma era rimasta col fiato sospeso per tutta la mattinata per il destino di Ammar, tre anni. Invece il piccolo si trova al sicuro con la mamma, una donna rumena. Dopo la separazione il bimbo - secondo i racconti dell’algerino – sarebbe stato affidato al padre, ma preso dalla madre e portato in un altro paese europeo, forse l’Italia. Mourad Grairia cosi’ ha cercato di attirare l’attenzione dei media per ritrovare il figlioletto. Ma sul presunto rapimento compiuto della madre gli inquirenti riservano seri dubbi. La separazione sembra aver provocato un grande stress nell’algerino, ricoverato anche per qualche ora in ospedale,. Ora per la sua storia fasulla raccontata alla polizia rischia un’incriminazione per simulazione di reato.

E’ mistero sulla scomparsa di Ammar. Tre anni, olandese, se ne era denunciata la scomparsa ieri pomeriggio.
Era stato il padre a rivolgersi alla polizia ferroviaria della stazione Termini, dicendo che durante una passeggiata si era distratto e aveva perso il piccolo tra la folla. Dopo un interrogatorio durato tutta la notte gli investigatori della Questura hanno capito che dai racconti dell’uomo qualcosa non tornava. Poi la conferma: Ammar in realtà non ha mai raggiunto l’Italia.
Il piccolo è figlio di genitori separati. Il papà, di origini algerine ha 42 anni, la madre è rumena. Dopo la separazione dei due il bimbo sarebbe stato affidato al padre. Il quale, secondo gli investigatori, in preda a un forte stato di stress si sarebbe inventato l’intera vicenda. Nessuna scomparsa dunque del bambino, che forse invece è stato affidato alla madre, che forse si trova ancora in Olanda.

 

[18-07-2007]

 
Lascia il tuo commento