Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Musica
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Musica
 
 

Genesis al Circo Massimo

Stasera attese 500 mila persone

Phil Collins, Tony Banks e Mike Rutherford ma non Peter Gabriel.

"Ci sono sempre rumours sul ritorno di Peter - dice Rutherford - Ora ancor di più forse perché Peter è in Italia (dieci giorni fa si è esibito proprio nella Capitale, al Romarock Festival, e ha una casa in Sardegna a Li Paraggi, ndr). L'unica cosa di cui abbiamo discusso con lui ruota intorno all'ipotesi di realizzare una nuova versione di The Lamb lies down on Broadway, che ha compiuto 30 anni. Ma non è imminente, se succederà non sarà prima di uno o due anni".

I genesis chiuderanno il trionfale Turn it on again Tour, che segna la loro riunione dopo 15 anni. "Siamo rimasti sorpresi, non eravamo certi di avere un pubblico così numeroso - confessa Mike - Abbiamo ricevuto grande calore e sostegno da tutti i pubblici europei. A ottobre scorso abbiamo provato per la prima volta negli Usa, ci sono bastati pochi secondi per ritrovarci".

Lo spettacolo è assicurato: suoneranno su un mega-palco largo 64 metri, con 90 milioni di led che compongono uno schermo largo 54 metri e alto 12, mentre 7 braccia munite di riflettori si allungano fino a bordo palco. Agli effetti speciali, punto-chiave dei loro live, si aggiunge una scaletta che va da da Turn it on again del 1980 a 'Tonight, Tonight', Invisible Touch, Mama, 'Follow me Follow you'. Ma ci saranno anche pezzi storici come The Cinema Show, I know what I like, Los Endos (da Trick of the Tail, anno 1976), Carpet Crawlers e Ripples, composta dopo l'addio di Gabriel, 31 anni fa.

"Non modificheremo la scaletta per questo evento - dice Collins - E' uno show che funziona, molto teatrale, con effetti visivi molto potenti. Perché cambiarlo?". Accanto a loro ci saranno due ex compagni, il mitico batterista Chester Thompson, e da Daryl Steurmer alla chitarra. Qualcuno chiede se hanno pezzi nuovi nel cassetto. Ma la risposta è un semplice "no", pronunciato da Rutherford. E a una domanda sul perché vendano online i cd dei concerti del tour, Phil spiega: "L'idea è nata per soddisfare la richiesta dei nostri fan che volevano un ricordo tangibile dei live. I Genesis sono sempre stata una band capace di fare qualsiasi cosa." E quella del concertone al Circo Massimo sarà l'occasione giusta per riascoltarli.

 

 

 

[14-07-2007]

 
Lascia il tuo commento