Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Incidente Metro A

''tutta colpa della velocità''

il convoglio metro dopo lo scontro Lo ha stabilito la commissione di inchiesta nominata dal Governo per far luce sul terribile incidente dello scorso ottobre. Sarebbe stato il mancato rispetto del limite di velocità di 15 chilometri orari, a causare il terribile incidente alla stazione metro di Piazza Vittorio che il 17 ottobre 2006, causò la morte di una giovane romana e il ferimento di 110 passeggeri.

A far luce sulle cause del disastro la commissione nominata dal ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi, che oggi ha concluso i lavori ed ha consegnato al ministro il rapporto finale. Non sarebbe stato quindi un fallo ai sistemi di sicurezza di linea e di bordo della metropolitana a causare lo scontro. Anzi, tali sistemi vengono definiti dalla commissione tecnica ''affidabili e tecnologicamente avanzati''.

La responsabilità sarebbe quindi imputabile al superamento dei 15 km orari, velocità di sicurezza prevista dal regolamento. I sistemi di sicurezza non richiederebbero quindi ''migliorie tecniche'' mentre è sempre necessario ''il massimo controllo sulla osservanza dei regolamenti da parte del personale addetto al movimento e l' introduzione di una modifica tecnica tale da impedire il superamento del limite di 15 chilometri orari in caso di esclusione dei sistemi di sicurezza continuo e discontinuo''.
 
 

[10-07-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE