Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Madre Esasperata Uccide il Figlio In Sala di Rianimazione

Omicidio in corsia all'Ospedale S.Camillo. Luciana Sillasi, 74 anni, in preda alla disperazione, ha ucciso il figlio di 50 anni, Carmine Verticchio sposato e padre di due figli.

La vittima era ricoverata in rianimazione all'ospedale S.Camillo, dopo aveva tentato il suicidio lo scorso 8 marzo buttandosi dal terzo piano. Per salvarlo i medici gli avevano amputato una gamba.

Ieri pomeriggio, pochi minuti dopo le 17 l'anziana è entrata in rianimazione nascondendo un coltello da cucina, si è avvicinata al figlio e lo ha colpito due votle al collo e una al torace, inutili i tentativi di salvarlo.

Era depresso, non guariva, non potevo vederlo soffrire in quel modo:"l'ho ucciso per porre fine alle sue sofferenze", ha detto la mamma che dopo le prime dichiarazioni è stata arrestata, senza opporre nessuna resistenza, con l'accusa di omicidio volontario ed è stata poi trasferita al carcere di Rebibbia. La donna è ora seguita da personale specializzato e da una psicologa, c'è infatti il timore che dopo aver ucciso il figlio la signora Luciana possa commettere un gesto estermo.

[14-03-2006]

 
Lascia il tuo commento