Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Conclave, cambiano le regole

si torna al voto dei due terzi dei membri

Il Vaticano torna all’antico: dopo undici anni il sistema di elezione del papa torna al metodo che nel 1996 da Giovanni Paolo II aveva modificato.

Fino al 1996, infatti, erano necessario il voto dei due terzi dei membri del conclave per salire al soglio pontificio. Giovanni Paolo II aveva cambiato la prassi per giungere più facilmente all’elezione per dare un’idea di maggiore coesione tra i cardini della chiesa.

Oggi Ratzinger torna all’antico ripristinando il sistema precedente che prevedeva la maggioranza dei due terzi per l’elezione. Ma se da una parte il sistema voluto da Giovanni Paolo II garantiva una maggiore velocità, e l’elezione di Benedetto XVI ne è la prova dal momento che è avvenuta il secondo giorno di conclave, dall’altra aveva già riscosso non opche critiche proprio da parte dei cardinali che vedevano nella facilità la possibilità di una spaccatura profonda all’interno del collegio: una spaccatura che avrebbe potuto sfociare addirittura in uno scisma, secondo i più pessimisti.

Insomma, l’atto di Ratzinger può sorprendere ma fino ad un certo punto: chissà che questo provvedimento non abbia effetto anche sul nostro parlamento, alle prese dall’inizio della legislatura con la modifica di una legge lettorale che per il momento ha visto solo fumate nere.

[27-06-2007]

 
Lascia il tuo commento