Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Caos alla stazione Tiburtina

possibili penali per Trenitalia

ripercussioni anche alla stazione Termini

“Chiederò una spiegazione a Trenitalia su quanto accaduto: se ci saranno motivazioni dei disordini che derivano dalla società, metteremo senz’altro le penali”. Commenta cosi’ l’assessore regionale ai trasporti, Fabio Ciani, il blocco avvenuto ieri alla stazione Tiburtina.

L’incubo inizia alle 6 di mattina: 200 pendolari si ribellano e 80.000 passeggeri, secondo le stime di trenitalia, rimangono bloccati. 55 treni soppressi, 80 hanno accumulato forti ritardi. La protesta dei pendolari campani avrebbe interessato in tutto, almeno 135 treni.

Una settantina di viaggiatori, partiti da Salerno e diretti a Milano, sono trovati senza biglietto dagli agenti della Polfer ed invitati pertanto a scendere dal treno. È l’inizio del caos. Una convenzione, tra trenitalia e regione campania, valida fino alla fine del 2006, garantiva ai lavoratori l’acquisto dei biglietti ferroviari con una riduzione del 50%.

Scaduta la convenzione, molti passeggeri, per non gravare sul bilancio familiare, si dicono costretti a trovare altri stratagemmi. Ha inizio così la paralisi ferroviaria, quella che verrà poi etichettata come la “caporetto del trasporto locale”.
Il giorno dopo, resta il compito di ricomporre il puzzle e di risolvere quelle questioni spinose, per cui, spesso, pagano le spese soltanto i cittadini.

[26-06-2007]

 
Lascia il tuo commento