Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Twilight Saga: Breaking Dawn - Part II

di Bill Condon. Con Kristen Stewart, Robert Pattinson, Taylor Lautner

di Flavia D'Angelo

Bella si risveglia trasformata in vampira: finalmente la sua nuova vita con Edward può avere inizio. Da subito la ragazza scopre di avere un incredibile autocontrollo e di poter interagire senza pericolo sia con gli umani sia con la sua figlia semi-umana Renesmee. L’idillio ha breve durata: i Volturi decidono di muovere contro i Cullen, credendo che questi abbiano violato le loro regole millenarie, creando una bambina immortale.

Presentato in anteprima e fuori concorso alla settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, arriva in contemporanea mondiale nelle sale italiane l’ultimo capitolo della saga di TWILIGHT. Girato in contemporanea alla prima parte, BREAKING DAWN – PART II si annuncia campione di incassi. Alla regia Bill Condon, nel cast il trio Kristen Steward/Robert Pattinson/Taylor Lautner.

Non si può spiegare BREAKING DAWN PART II a prescindere dall’ovvia considerazione che si tratta della seconda parte del film precedente. Regista e autori hanno motivato la scelta con l’impossibilità di condensare l’ultimo volume della saga della Meyer in una durata accettabile. Ora possiamo dire che l’operazione sarebbe stata più che possibile se si fosse pensato di girare un film, e non uno sceneggiato, eliminando ripetizioni, scene inutili e primi piani “contrattuali”.

Ogni snodo della trama, che dovrebbe creare una tensione crescente fino allo scontro finale, è affrontato senza alcun tentativo di generare apprensione e timore ma con la massima attenzione a dare al pubblico di appassionati quello che (presumibilmente) desiderano. Lo sforzo degli autori è solo nel mettere pedissequamente in immagini la storia che tante volte i fan hanno visualizzato nella loro mente. Nonostante i tentativi di creare immagini “epiche”, regista e attori sono stanchi – e si vede. Il tentativo di iniettare un po’ di azione, deviando dalle pagine del romanzo, in una pellicola altrimenti asfittica non sembra neanche un atto coraggioso quanto l’ennesimo inchino al boxoffice.
 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[14-11-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE