Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Festival del Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema » Festival del Cinema
 
 

L'isola dell'angelo caduto

di Carlo Lucarelli. Con Giampaolo Morelli, Rolando Ravello, Giuseppe Cederna

di Flavia D'Angelo

1925. Ad un commissario in conflitto con il regime è assegnato un posto di polizia situato su un’isola sperduta nel mare e battuta costantemente da venti e temporali. L’atmosfera cupa e misteriosa del posto fa ammalare velocemente la sua giovane moglie, ma tutto il potenziale funesto dell’isola si manifesterà quando il poliziotto dovrà indagare su una serie di crudeli e inspiegabili delitti.

Per il suo esordio dietro la macchina da presa lo scrittore Carlo Lucarelli sceglie di adattare per il grande schermo il suo omonimo romanzo L’ISOLA DELL’ANGELO CADUTO. Presentato nella sezione PIT – Prospettive Italia del settimo Festival Internazionale del Film di Roma, il film ha come protagonista Giampaolo Morelli, volto noto al pubblico televisivo, e vede nel cast la partecipazione di Rolando Ravello e Giuseppe Cederna.

Lucarelli cerca di trasferire sullo schermo le sue doti di narratore, applicando i meccanismi narrativi della scrittura al racconto per immagini. Il meccanismo si inceppa fin da subito, frenato dalle interpretazioni mediocri di tutto il cast, in alcuni casi parzialmente perdonato in quanto disorientato sulla direzione da dare al personaggio. E lo stesso disorientamento coglie lo spettatore, catapultato in una storia che scorre al ritmo di uno sceneggiato Rai di prima serata, con tocchi di b-movie anni settanta. Tutti gli elementi efficaci nel creare tensione nel romanzo risultano inutili e dannosi sullo schermo, a causa in primo luogo di una regia incerta.

Dispiace vedere Lucarellicadere proprio nel suo territorio e dispiace ancor di più notare la scarsa attenzione data a tutti quegli elementi, dai costumi alla fotografia, che tanto peso hanno, nel genere thriller-noir, nell’alimentare tensione e inquietudine. In mano a un altro regista, il film avrebbe avuto delle potenzialità, ma sono troppi gli elementi che hanno cospirato contro la riuscita di questa pellicola. Una caduta, però, si perdona a tutti, purché sia l’unica.
 


Secondo te quanti euro merita??
 

[12-11-2012]

 
Lascia il tuo commento