Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sequestro lampo sventato dai Carabinieri

la vittima un commerciante di 40 anni, si indaga per capire le motivazioni del rapimento

Un sequestro lampo sventato in poche ore dai Carabinieri. E’ successo mercoledì intorno alle 17:00 al centro commerciale Porta di Roma alla Bufalotta.

Nel parcheggio sotterraneo un furgone arriva a tutta velocità, si ferma vicino ad un commerciante di 40anni che sta scendendo dal suo motorino. In tre lo prelevano e lo costringono a salire sul furgone. L’uomo urla, cerca di ribellarsi ma senza riuscire ad opporre resistenza. I testimoni che hanno assistito alla scena chiamano i Carabinieri che, con una pattuglia, sono in servizio di sorveglianza all’interno del centro commerciale. I militari raccolgono i racconti di chi ha assistito al rapimento, visionano i filmati delle telecamere del sistema di sorveglianza. Riescono ad identificare la vittima ed iniziano la ricerca del furgone. Una pattuglia del Nucleo operativo della Compagnia Monte Sacro intercetta il mezzo in fuga. I carabinieri lo inseguono a distanza fino a Grottaferrata, dove risiede il 40enne. L’area viene circondata anche grazie all’intervento degli uomini della compagnia di Frascati. Quando i tre sequestratori scendono scatta l’intervento dei Crabinieri. I tre malviventi, tutti romani, vengono arrestati con l’accusa di sequestro di persona.

Il commerciante se l'è cavata con una ferito allo zigomo destro. Il suo sequestro sarebbe stato organizzato poiché si era rifiutato di pagare 10.000 ai suoi rapinatori. Secondo i militari potrebbe trattarsi di una storia di pizzo o di un debito non pagato.

[09-11-2012]

 
Lascia il tuo commento