Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

E' morto Pino Rauti, ex segretario Msi

aveva 85 anni, padre di Isabella Rauti. Partecipò alla fondazione del Movimonte Sociale Italiano

L'ex segretario dell'Msi Pino Rauti è morto nella sua abitazione a Roma. L'ex segretario del Msi è suocero dell'attuale sindaco Gianni Alemanno e anche la figlia Isabella è da anni in politica, attualmente è consigliere regionale. Rauti era nato a Cardinale (Catanzaro) il 19 novembre 1926. Partecipò alla fondazione del Movimento Sociale Italiano, alla fine del 1946. Dopo il congresso di Fiuggi del 1995, che trasforma, sotto la guida di Gianfranco Fini, il Movimento Sociale in Alleanza Nazionale, Rauti fondò il Movimento Sociale Fiamma Tricolore.

Laureato in legge, giornalista, personaggio chiave della destra italiana, definito il "Gramsci nero", cominciò ad occuparsi di politica fin da giovanissimo. A 16 anni si arruola volontario di guerra nella Repubblica sociale italiana. Alla fine del 1946, quasi 20enne, partecipa alla fondazione del Movimento Sociale Italiano, di cui diventerà segretario nel 1990. Nei primi anni Cinquanta contribuisce a dare nuovamente vita all'organizzazione Far (Fasci di Azione Rivoluzionaria) con Giorgio Almirante e Julius Evola. Dopo due attentati a Roma, finisce in manette con altri del gruppo, ma alla fine del processo viene assolto. Nel 1954 fonda il centro studi Ordine Nuovo che però dopo due anni esce del Msi. Rauti si dichiara sempre estraneo agli attentati rivendicati con il nome di Ordine Nuovo. Accusato per tre volte, e sempre assolto per il reato di concorso in strage, per gli attentati di piazza Fontana a Milano, della stazione di Bologna e per la bomba di piazza della Loggia a Brescia. Con l'arrivo di Giorgio Almirante alla segreteria del Msi, il "Gramsci nero" rientra nel partito. Il 14 dicembre 1987, al XV congresso del Msi a Sorrento, raccoglie quasi la metà dei consensi per l'elezione a segretario, ma viene battuto da Gianfranco Fini. Nel 1990 Rauti viene nominato alla guida del Msi al congresso di Rimini, battendo Fini per la segreteria. Nel 1995, quando l'attuale presidente della Camera fonda Alleanza Nazionale, non vi aderisce a fonda Fiamma tricolore e poi Movimento idea sociale. Europarlamentare dal 1994 fino al giugno 1999, Rauti eè stato anche candidato alla poltrona di primo cittadino capitolino alle amministrative del 1997.

La camera ardente di Pino Rauti sarà allestita in via della Scrofa, nella sede della Fondazione di An. I funerali di Rauti avranno luogo lunedì alle 12.30 presso la chiesa di San Marco in piazza Venezia. Gli orari della camera ardente sono i seguenti: dalle 18 alle 21 di venerdì e dalle 10 alle 20 di sabato e domenica.
 
 

[02-11-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE