Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Giudiziaria
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma » Cronaca Giudiziaria
 
 

Omicidio del gioielliere Lenzi, pene ridotte in appello

gli assassini entrarono nella villa dell'Axa grazie all'aiuto della domestica, torturarono ed uccisero il gioielliere

Pena ridotta in appello per gli autori dell'omicidio del gioielliere Francesco Lenzi, ucciso nel 2008 all'Axa. La II Corte d'assise d'appello ha inflitto 28 anni di reclusione a Iulian Dumitrascu (in primo grado condannato all'ergastolo), 16 anni e 8 mesi a Valentin Constantin (in primo grado, 26 anni) e 6 anni di reclusione ad Adriana Constantin (in primo grado, 9 anni). L'unica conferma è la condanna a 24 anni di carcere inflitta a Ionel Florentin Gavrilescu. L'omicidio di Lenzi avvenne il 25 novembre 2008, durante una rapina. Lenzi fu a lungo torturato prima di essere ucciso con un oggetto contundente.

Gli assassini raggiunsero l'abitazione del gioielliere, bussarono alla porta e una volta dentro aggredirono l'uomo, entrando grazie all'aiuto della domestica, anche le romena. Poi fuggirono con i gioielli che Lenzi conservava in casa. Lenzi fu trovato senza vestiti, il corpo in terra con polsi e caviglie legati con scotch. Immobilizzato con un apparecchio che emetteva scariche elettriche, fu colpito ripetutamente alla testa. Per questi stessi fatti, nel maggio dello scorso anno, la I Corte d'assise d'appello inflisse 18 anni di reclusione a Ion Radu Iancu. Per lui, due anni di carcere in meno rispetto ai 20 anni inflitti dal gup. Iancu fu bloccato alla stazione ferroviaria di Milano; aveva dimenticato sul treno un trolley con gioielli riconducibili a Lenzi.

 
 

[22-10-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE