Giornale di informazione di Roma - Sabato 24 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

16.10.43. Li hanno portati via

il lavoro di documentazione della Provincia riguardo ai bimbi deportati ad Aushwitz

Esattamente 69 anni fa oltre 1000 romani furono deportati dalle truppe naziste. Tra questi c’erano almeno 200 bambini. Per decenni dopo la fine della guerra decine di famiglie della comunità ebraica di Roma hanno tentato di trovare accenni, notizie o documenti riguardanti i propri cari scomparsi.
La Provincia di Roma, dopo mesi di lavoro negli archivi tedeschi dell’Intarnational Tracing Service di Bad Arolsen, ha pubblicato una serie di documenti che testimoniano l’orrore ed il terribile percorso dei bambini ebrei deportati da Roma, bimbi che non sono mai più tornati a casa.

"Siamo qui non solo per raccontare la storia di oltre duecento bambini deportati - ha detto Riccardo Pacifici, presidente della Comunità ebraica - ma anche di tutti quelli che non hanno storia. Siamo qui per cominciare a dare risposte forti ai negazionisti, quelli che ci vogliono raccontare un'altra storia. Chi nega la shoah porta avanti il percorso di chi l'ha attuata".

"Impegnarsi contro l'indifferenza ègiusto perché parliamo di vite spezzate, dietro cui ci sono volti, famiglie, storie a cui vogliamo ridare dignita' e memoria. - ha affermato il presidente Zingaretti - E' giusto perché questa è la nostra storia. Questo impegno non è concessione verso una comunità, ma un dovere. Questo libro racconta una delle pagine più buie della storia della nostra città e verrà consegnato ad ogni scuola di Roma e Provincia". "Questa battaglia culturale - ha proseguito ancora Zingaretti - non può solo farci accontentare del sapere delle date, ma ricordare vuol dire non dimenticare l'orrore che fu dietro la Shoah. Oggi noi riportiamo a Roma dopo tanti anni, le lettere e le fotografie che i familiari degli scomparsi scrissero dopo la guerra per capire e sapere che fine avevano fatto i loro bambini e questa fine ora la conosciamo: furuno tutti uccisi quando scesero dal treno che li portava ad Auschwitz".

Il materiale è stato raccolto in un volume dal titolo “16.10.1943. Li hanno portati via” edito da Fandango e a cura di Umberto Gentiloni, responsabile del progetto Storia della Provincia. Sono state recuperate fotografie di 32 bambini romani scattate alcune mesi prima della deportazione, schede identificative con nome, luogo di nascita, data e luogo di deportazione di oltre 200 bimbi. Ciascuna fotografia è accompagnata da un dossier, contenente lettere, corrispondenze e comunicazioni con le famiglie e le autorità italiane sull’andamento delle ricerche.

La consegna del materiale storico da parte della Provincia di Roma è avvenuta in una scuola in via del Portico D’Ottavia, proprio nel cuore del Ghetto ebraico di Roma. Qui 69 anni fa le truppe delle SS portarono via 1024 persone. Solo in sedici riuscirono a salvarsi e tornare a casa dal campo di Auschwitz.

[16-10-2012]

 
Lascia il tuo commento