Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ecco dove fu ucciso Giulio Cesare

la scoperta del centro di ricerca spagnolo ''scienza umana e sociale'' in collaborazione con la sovrintendenza di Roma

La storia ci ha tramandato che Gaio Giulio Cesare fu ucciso nel 44 a.C. nella curia di Pompeo, nell’attuale area archeologica di Torre Argentina, proprio mentre presiedeva una riunione di senatori. Un gruppo di ricercatori spagnoli, in collaborazione con la Sovrintendenza di Roma, da 6 anni sta lavorando per stabilire il posto esatto dove fu pugnalato ed ucciso uno dei personaggi più influenti della storia. Gli studiosi hanno rilevato un blocco cementizio che potrebbe essere la base su cui sedeva Cesare nel momento in cui fu ucciso. Ci spiega il valore della scoperta Marina Mattei, archeologa della sovrintendenza di Roma.

"La cosa interessante è che è confermato che la Curia di Pompeo -spiega l'archeologa Marina Mattei- arriva fino all'area ed è stata tamponata in età augustea. Dai lavori abbiamo trovato una base cementizia di tre metri per quattro che potrebbe essere proprio la base dove sedeva Cesare quando fu ucciso".

Il lavoro dei ricercatori italiani, in collaborazione con il centro spagnolo “scienza umana e sociale”, guidati dallo storico Antonio Monterroso, continuerà anche nei prossimi mesi. Al momento la scoperta conferma che Cesare, nel momento in cui fu pugnalato 2056 anni fa, sedeva proprio nella parte inferiore della Curia di Pompeo e stava presiedendo la riunione del Senato. Il lavoro degli archeologi continua e probabilmente presto la preziosa area archeologica di Largo Argentina potrebbe aprire al pubblico mostrando a tutti i suoi tesori.

"Abbiamo fatto molti rilievi -continua l'archeologa Mattei- Un lavoro che dura da sette anni e finiremo con un ultimo scavo. Poi speriamo di riaprire l'area per la fine del 2013".

[11-10-2012]

 
Lascia il tuo commento