Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Metro C, imprenditore cantiere aggredito da dipendenti: 5 arresti

L'aggressione per un presunto mancato pagamento

I Carabinieri della Stazione Appia hanno arrestato 5 cittadini romeni di età compresa tra i 23 ed i 44 anni responsabili di aver aggredito il loro datore di lavoro, un imprenditore edile, romano, di 56 anni. La causa dell’aggressione sarebbe riconducibile a delle prestazioni lavorative che l’imprenditore non avrebbe pagato ad uno dei suoi aggressori. L’episodio è accaduto davanti ad un bar nei pressi della fermata metropolitana “Anagnina” dove il datore 56enne, titolare di una delle imprese impegnate per i lavori in un cantiere della Metro “C”, aveva dato appuntamento al creditore per concordare l’importo. Lo straniero, di 23 anni, si è però presentato all’incontro con il rinforzo di altri 4 connazionali, anch’essi dipendenti della stessa ditta, con l’intenzione di dargli una “lezione”. Infatti quando alla richiesta di denaro, il 56enne ha risposto di non averne, il gruppo gli si è avventato con calci e pugni, rubandogli una fotocamera e tentando di costringerlo a recarsi allo sportello bancomat più vicino per prelevare il denaro. Nel contempo la vittima è riuscita ad avvertire il figlio che ha richiesto l’intervento dei Carabinieri tramite il 112.

I militari sono immediatamente intervenuti sul posto, ma gli aggressori erano già fuggiti. Sono scattate le ricerche dei Carabinieri e, grazie anche alla descrizione fornita dall’imprenditore, i 5 romeni sono stati rintracciati non molto lontano dal luogo dell’aggressione ed arrestati. Tutti accusati di rapina, sono stati tradotti presso il carcere di Regina Coeli a diposizione dell’Autorità Giudiziaria. All’imprenditore, che se la caverà con qualche giorno di prognosi, i Carabinieri della Stazione Roma Appia hanno riconsegnato la refurtiva.

[05-10-2012]

 
Lascia il tuo commento