Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Ted

di Seth MacFarlane. Con Mark Wahlberg, Mila Kunis

di Rosario Sparti

Un ragazzo di Boston ha espresso da bambino un desiderio che si è avverato, e il suo orsacchiotto ha così preso vita. Oggi, quello stesso ragazzino è diventato un uomo, ma fatica a entrare nell'età adulta e a legarsi alla ragazza che ama per colpa di quell'orsetto, diventato nel frattempo un indolente e irresponsabile disgraziato.
 
Dato che con Seth MacFarlane, papà delle serie tv I GRIFFIN e AMERICAN DAD, siamo nell’ambito dell’animazione, va citato il motto sempre valido: “Da un grande potere derivano grandi responsabilità”. Per questa ragione, l’autore di una delle serie più scorrette, divertenti e intransigenti di sempre, era atteso al varco nel passaggio a un film in live action. Cosa ne è venuto fuori? Una commedia fracassona dal retrogusto 80’s con una delle creature digitali più riuscite degli ultimi anni. Il rapporto tra il peluche e Mark Wahlberg, sempre più a suo agio nella commedia, è la cosa migliore del film, che crea una coppia comica ben amalgamata e scoppiettante.
 
Purtroppo, oltre a questo, nel film c’è ben poco, perché il regista – in originale voce di Ted – compie una sorta di seduta psicanalitica su se stesso, che predilige il lato più scurrile delle proprie opere ma ne dimentica totalmente la scorrettezza. Siamo di fronte a una commedia gradevole, con una comicità edulcorata rispetto a quello che conosciamo dell’autore, che finisce per diventare pian piano sempre più sentimentale e sgangherata, facendo dimenticare anche quanto di divertente si era visto nei primi venti minuti.
 
Quasi come in un film di Spielberg si assiste al sogno di molti bimbi, la materializzazione dell’amico immaginario, un compagno d’avventure che non si lesina in scorribande “porcellone” e a alto tasso alcolico ma che, alla fin fine, serve solo a far risaltare l’immaturità del maschio medio americano, impelagato tra false responsabilità e problemi reali da procrastinare in eterno. Senz’altro i momenti divertenti non mancano ma sembra più un’occasione sprecata che altro.

 



votanti: 3
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[05-10-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE