Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

Ederson non si ferma pi, vittoria di misura sul Maribor

Il brasiliano al secondo goal in cinque giorni. Partita spigolosa, una traversa per gli sloveni e due legni per Candreva. Hernanes fallisce il rigore del raddoppio, ma la Lazio vola comunque in testa al Girone J

Da oggetto misterioso a certezza, da panchinaro di lusso a possibile titolare. Il calcio è strano, lo sa bene Ederson Honorato Campos, il talento brasiliano che in cinque giorni si è caricato la Lazio sulle spalle e ha contribuito a rilanciarla anche in Europa, davanti al proprio pubblico. Il suo sorriso rilassato eternamente stampato sulle labbra un po' stonava con le personalissime vicissitudini sportive: i dubbi sul rendimento, l'infortunio patito, il poco spazio trovato tra i titolari nelle prime uscite. Tutto dimenticato, ora quel sorriso ha un senso ed Ederson è la vera novità della nuova Lazio di Petkovic.

LA PARTITA - L'allenatore bosniaco cambia ancora e tiene a riposo diversi titolari: dentro Bizzarri, Cavanda, Ciani, Cana, Ederson e Floccari. Hernanes saggia subito i riflessi d Handanovic ma al 14' è il Maribor a sfiorare il vantaggio: Filipovic di testa colpisce la traversa, Bizzarri è decisivo nel deviare la traiettoria della sfera. Due minuti dopo è Cvijanovic a farsi ipnotizzare dal portiere argentino, la Lazio è in bambola e rischia tantissimo. Dai piedi di Candreva arriva la risposta biancoceleste: due i legni colpiti dal centrocampista, il primo da fondo campo, il secondo su involontario tiro-cross. In mezzo alle due occasioni c'è il primo lampo di Ederson, fermato in fuorigioco dopo aver depositato la palla in rete.

La Lazio rientra concentrata e decisa a fare sua la partita, Ederson ci prova subito ma Handanovic vede sfilare il pallone a lato. I biancocelesti si scoprono e gli sloveni sono pericolosi un paio di volte con Tavares. Candreva spreca un lancio di Cana e al 62' arriva il momento di Ederson: Floccari, cresciuto esponenzialmente nella ripresa, aggancia un pallone impossibile in area e conclude, trovando i guanti di Handanovic, il brasiliano si fionda sul pallone e lo scaraventa in rete anticipando un avversario. Solita esultanza stile aquila e sostituzione dopo pochi minuti, al suo posto Onazi, per contenere le sfuriata ospite. In realtà però è ancora la Lazio a pungere con Floccari, che viene steso da Vidovic in area di rigore. Maribor in dieci uomini e Hernanes che si fa parare il rigore da Handanovic, anche lui, come il cugino interista, specialista nei tiri dal dischetto. Ultimo brivido all'88' con Ibraimi che ci prova da fuori ma manca il bersaglio.

Tre punti pesanti che portano la Lazio in testa al girone J, grazie al contemporaneo pareggio tra Tottenham e Panathinaikos. Il turnover di Petkovic inizia a dare i suoi frutti e, a conti fatti, la compagine biancoceleste fino ad ora ha steccato veramente solo al San Paolo. Floccari è ormai ufficialmente il vice-Klose, Ciani non convince completamente ma continua a cavarsela, Cana e Gonzalez sono i soliti lottatori. Petkovic, insomma, si gode la sua creatura e continua a stupire: apiccoli passi la Lazio si avvicina alla seconda sosta, appena dopo la partita contro il Pescara in trasferta, altro match a dir poco ostico, soprattutto per la nota rivalità tra le due tifoserie. I valori tecnici ci sono e i biancocelesti possono giocarsela con chiunque, quello che manca, a volte, è il carattere, da tirar fuori nei momenti difficili, in affanno o in svantaggio. Se la Lazio prende sicurezza e trova anche quello, l'eterno sorriso di Ederson potrebbe iniziare a diventare contagioso per l'intero popolo biancoceleste.

Valerio Lazzari


LAZIO-MARIBOR 1-0  (0-0)

Rete: 62' Ederson (L)

Lazio (4-5-1): Bizzarri; Konko, Ciani, Dias, Cavanda; Candreva, Gonzalez (83' Zarate), Cana, Hernanes, Ederson (68' Onazi); Floccari (92' Kozak).
In panchina: Marchetti, Biava, Scaloni, Mauri. All. Petkovic

Maribor (4-4-2): Handanovic; Milec, Rajcevic, Vidovic, Mejac; Ibraimi, Filipovic, Mertelj, Cvijanovic (86' Komazec); Tavares (60' Mezga), Beric. 
In panchina: Pridigar, Lesjak, Dodlek, Trajkovski, Ploj. All. Milanic

Arbitro: Marciniak (POL)
Assistenti: Sokolnicki, Listkiewicz
IV uomo: Siejka
Assistenti aggiunti: Gil, Raczkowski
Note: ammoniti Tavares (M), Cana (L); espulso Vidovic (M)
Recuperi: 1' p.t.; 3' s.t.

[05-10-2012]

 
Lascia il tuo commento