Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Nave romana affondata a Ponza

il relitto, di circa 35 metri, stato messo in sicurezza dalla Soprintendenza. Trasportava vino

Le acque di Ponza regalano sempre sorprese. Anche quando si pensa che i fondali abbiano già svelato tutto ecco riemergere il prezioso carico di una nave romana, naufragata più di 2.000 anni fa, ad una profondità di circa 30 metri. La grande nave di circa 35 metri, fu colta impreparata a largo dei Faraglioni di Lucia Rosa, probabilmente mentre cercava riparo durante una tempesta colpì violentemente uno scoglio per poi affondare.  

Il suo prezioso carico di anfore databili II secolo a.C è ancora sommerso ed è stato messo in sicurezza con una speciale rete metallica, per proteggerlo dai “tombaroli” subacquei. Le straordinarie immagini che vedete sono state girate dal nucleo operativo di archeologia subacqueo della Soprintendenza del Lazio

"Le operazioni che abbiamo effettuato questa estate sono per la messa in sicurezza del relitto -spiega la dottoressa Annalisa Zarattini, la responsabile del nucleo operativo di archeologia subacqueo della Soprintendenza del Lazio-, la nave portava anche altro materiale ceramico; oltre alle grandi anfore contenenti vino abbiamo rinvenuto anche piccole anfore ed ampolle. Purtroppo questo materiale è preda di cercatori di souvenir. Abbiamo quindi fatto un indagine e deciso di porre una grata sul fondale attraverso la quale si può vedere il carico della nave".

I reperti saranno lasciati sul fondale, visibili a tutti gli appassionati di immersioni. Il cantiere di scavo condotto da archeologi sommozzatori ha fatto riaffiorare nuovi elementi del relitto. In particolare la forma dello scafo sorprendentemente ben conservata.

"La scoperta più importante è che tutto il legno della nave è ben conservato. Questo ci rivela la costruzione di un'antica nave ed è la cosa più interessante che possiamo considerare dal punto di vista archeologico". L’imponente carico di vino trasportato dalla nave romana documenta come le isole pontine, già tra il II ed il I sec.a.C. fossero luogo di rifugio per le grandi navi colte da tempeste durante le rotte commerciali.


[03-10-2012]

 
Lascia il tuo commento