Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

E' scomparso Shlomo Venezia, sopravvissuto alla Shoah

aveva 88 anni, scrisse il libro "Soderkommando Auschwitz"

È scomparso all'età di 88 anni Shlomo Venezia, uno dei sopravvisuti alla Shoah e protagonista dei Viaggi della memoria. Lo scrittore ebreo si è spento nella notte a Roma. Venezia fu deportato ad Auschwitz-Birkenau e durante la prigionia fu obbligato a lavorare nei Sonderkommando, squadre composte da internati e destinate alle operazioni di smaltimento dei deportati uccisi.

Venezia è uno dei pochi sopravvissuti, l'unico in Italia, di queste speciali squadre e ha raccolto le sue memorie in un libro pubblicato dal titolo Sonderkommando Auschwitz. "La scomparsa, avvenuta questa notte, di Shlomo Venezia, lascia un vuoto e un grande dolore -ha detto il sindaco Alemanno- Shlomo è stato uno dei pochissimi sopravvissuti nel mondo ai terrificanti Sonderkommando: un’esperienza tremenda, annichilente per l’essere umano. Di questa tragedia, Venezia ci ha lasciato una testimonianza preziosa, il suo libro “Sonderkommando Auschwitz”, un pugno nello stomaco, in grado di porre a nudo le vette di crudeltà cui può giungere l’uomo quando abbraccia l’ideologia del male. Conservò tra i miei ricordo l’ultimo nostro incontro per il suo compleanno assieme alla sua famiglia".

“Ho appreso con dolore immenso la notizia della scomparsa di Shlomo Venezia e voglio rivolgere alla moglie e a tutti i famigliari le più sentite condoglianze mie e di tutta la provincia di Roma. Come ci ha raccontato nel suo libro Sonderkommando Auschwitz e poi, tante volte, nei viaggi della memoria con i ragazzi e le ragazze delle scuole di Roma e provincia, Shlomo ha conosciuto in prima persona il luogo più nero e terribile della barbarie umana e la macchina dello sterminio -ha detto il Presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti- E' fra i pochissimi superstiti al mondo delle squadre speciali addette alle camere a gas, ha ritrovato in se stesso la voce per trasformare in racconto e in memoria la ferita che aveva dentro".

“La morte di Shlomo Venezia ci addolora profondamente. Sopravvissuto all’orrore di Auschwitz, attraverso i suoi dolorosi racconti della terribile esperienza nei Sonderkommando, raccontata in un libro e soprattutto a tanti giovani nel Lazio durante i viaggi della Memoria, è stato prezioso maestro di vita", ha commentato la presidente dimissionaria della Regione Lazio, Renata Polverini.

[01-10-2012]

 
Lascia il tuo commento