Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

La Maxitruffa dei Microchip: La Finanza Scopre un Giro Milionario

Computer, stampanti e attrezzature elettroniche. Una truffa allo stato che ammonta a 35 milioni di euro.

5 persone sono state denunciate per frode fiscale, tra cui 2 romani, compravano prodotti informatici nell'unione europea senza pagare l'iva e poi li rivendevano a prezzi competitivi nel mercato romano dell'informatica.

Il sistema utilizzato nella truffa è detto 'a carosello' e prevedeva la nascita di società fantasma, itnermediarie create ad hoc ed intestate a prestanomi e con sedi inesistenti.

La legge europea prevede che l'iva sia versata allo stato dal primo acquirente importatore. società come la cashtronic con sede a roma acquistavano attrezzature informatiche dall'Olanda, dalla Germania e dalla Gran Bretagna senza mai pagare l'iva e poi le rivendevano a prezzi stracciati a società italiane regolari.

Tramite l'analisi di banche dati italiane ed europee la guadia di finanza del comando provinciale di Roma, coordinata dal capitano Massimo Chiappetta, ha ricostruito la truffa. In 3 anni l'organizzazione ha venduto microchip, stampanti e materiale elettronico truffando lo stato per un totale di 35 milioni di euro.
 
 

[28-03-2006]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE