Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Almaviva, protesta in Regione

Catarci: "Una vertenza che sta martoriando Roma"

Continua la protesta dei lavoratori di Almaviva contro la decisione dell’azienda di mettere in cassa integrazione straordinaria 632 dipendenti. I lavoratori del call center di via Lamaro si sono ritrovati davanti la sede della giunta regionale in via Rosa Raimondi Garibaldi per chiedere garanzie sul loro destino. Da oggi scadono infatti i termini per la contrattazione e potrebbero partire le lettere per la Cassaintegrazione.

"Tutt’al più l’azienda è disposta a trattare per farla al 50% con la possibilità di distribuire le 4 ore di lavoro dalle 7 alle 24. Siamo veramente alla follia -dice il presidente dell'XI Municipio Andrea Catarci- Almaviva contact non si trova davanti a nessun tipo di crisi, vuole mandare a casa i dipendenti, impiegati nella sede romana di Cinecitt, per delocalizzare le attività all’estero e nel sud Italia. E’ una delle tante vertenze che sta letteralmente martoriando Roma. Un’azienda sana dal punto di vista economico, con delle forti commesse alle spalle, tra cui anche quella di Roma Capitale, che dopo aver incassato dalle Istituzioni agevolazioni di vario tipo mette tutti in cassa integrazione. Non è accettabile che sulla pelle dei lavoratori si alimentino i profitti di un’azienda che va avanti principalmente con i contributi delle istituzioni locali e nazionali. La Società ritiri immediatamente la cassa integrazione senza condizioni -conclude Catarci- e rispetti i suoi dipendenti e tutta la città”.

[26-09-2012]

 
Lascia il tuo commento