Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Profanata la lapide di Moro

''Bush come Moro''

Una scritta apparsa nella notte e subito cancellata: "Bush uguale Moro", profanata la lapide che, in via Mario Fani, ricorda il sequestro del leader della Democrazia cristiana e l'uccisione di cinque uomini della sua scorta. Scritta cancellata, a tempo di record, dall'Ufficio decoro urbano del comune.

Ma quel che non può essere cancellato è il gesto in sé, ma che deve suscitare "allarme e vigilanza", ha commentato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, indignato per una profanazione da collegare a "irresponsabili gruppi minoritari". Una piena condanna da un atto pensato per alzare le tensione.

E che in un certo senso pare riuscirci, a sentire il commento del senatore a vita Francesco Cossiga, secondo il quale la scritta "esprime bene lo spirito che anima le manifestazioni contro Bush organizzate con l'approvazione del Presidente della Camera Fausto Bertinotti, da Rifondazione Comunista e dalla sinistra alternativa". L'ex presidente della Repubblica rincara poi la dose definendo il governo "mandante politico e morale dell'infame gesto".

Da tutto il mondo politico sono arrivate fin da subito (fin da quando si pensava che la lapide imbrattata fosse quella in via Caetani) parole dure contro l'infelice paragone Bush-Moro. Il premier Romano Prodi si è detto profondamente indignato per un "gesto indegno che offende il sentimento mio e di tutti i cittadini italiani. Una profanazione che dimostra solo la miseria morale di chi l'ha compiuta".
 
 

[09-06-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE