Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Mostre Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Mostre Roma
 
 

Cultura + Legalità=Libertà, l’arte contro le mafie

a partire dal 20 settembre nella Bilblioteca Nazionale Centrale

di Renata Pasquini

Si è aperta il 20 settembre la tappa romana dell'esposizione itinerante “Cultura + Legalità=Libertà, l’arte contro le mafie”. La mostra, partita da Torino il 24 novembre 2011, è ospitata nella Capitale dalla Biblioteca Nazionale Centrale.
Organizzata dall'associazione culturale Arte INdivisa  con il patrocinio di Ministero dell’Interno, Regione Lazio, Provincia di Roma e Comune di Roma, la mostra ha lo scopo di lanciare un messaggio forte, di lotta a tutti i livelli, contro l'illegalità e la mafia.

Accanto agli artisti di Arte INdivisa (Claudio Lia, Giorgio Bisanti, Antonio Scarpelli e Roberta Di Chiara), tutti provenienti dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, esporranno alcuni dei nomi più interessanti della scena artistica del momento, dai pittori Angelo Barile e Marica Fasoli ai fotografi Francesco Cito e Giovanni Presutt.
La mostra è un progetto pensato in occasione del ventennale delle stragi di Via d’Amelio e di Capaci e dei trent’anni  dalla morte del Generale Dalla Chiesa.

“Cultura + legalità = Libertà”: l'arte diventa quindi il veicolo ideale per avvicinare il valore di legalità alle persone, per mostrare che la mafia è un problema che riguarda tutti, e per far comprendere perciò l'importanza di un impegno congiunto, che vada nella stessa direzione, da parte dei comuni cittadini e delle forze dell'ordine.
Le parole di Borsellino scelte dagli organizzatori per riassumere il senso dell'iniziativa non potrebbero perciò essere più appropriate: "Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene.”

Per informazioni:
Tel. 064989344

[23-09-2012]

 
Lascia il tuo commento