Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Scontri corteo no-war, 11 feriti

lanci di bottiglie e cariche della polizia

La manifestazione di protesta organizzata in contemporanea con la visita di Bush si è conclusa con scontri e cariche della polizia; all'altezza di piazza Navona intorno alle 19:30 il gruppo più ''pericoloso del corteo'' formato da circa 3.000 persone ha indossato caschi e passamontagna staccandosi dalla testa del corteo. Il gruppo di manifestanti ha iniziato a lanciare oggetti contro la polizia e dopo alcune cariche di alleggerimento e lanci di fumogini, circa un'ora più tardi, gli scontri si sono conclusi con l'arresto di una decina di ''estremisti''. 11 gli agenti feriti e ricoverati in ospedale, ferito anche un ragazzo durante una carica.

La maggior parte dei manifestanti, circa 50.000 persone, ha cercato di far desistere il gruppo di facinorosi, applaudendo criticamente l'atteggiamento violento.

"Gli incidenti provocati da poche decine di imbecilli, isolati dalla stragrande maggioranza dei manifestanti - afferma il capogruppo del Prc al Senato Giovanni Russo Spena - non devono nascondere il fatto che il corteo contro Bush a Roma sia stato sostanzialmente pacifico e non violento".

I primi in assoluto a manifestare sono stati dei parlamentari, ebbene si, quattro deputati di Rifondazione Comunista (Gino Sperandio, Massimiliano Smeriglio, Franco Russo e Peppe De Cristofaro) hanno protestato contro la visita di Bush a Roma a due passi dall'ingresso di Montecitorio eludendo i blocchi della polizia. Portavano uno striscione rosso con scritto «No war, no Bush» e il simbolo del Prc. Dopo aver inutilmente cercato di avvicinarsi a Palazzo Chigi, i quattro manifestanti, con il tesserino di parlamentare ben in vista, hanno urlato slogan contro la guerra e il presidente americano davanti a Montecitorio

Il corteo è partito in netto ritardo, alle 16,10 da piazza Esedra destinazione piazza Navona, i tempi non sono stati rispettati per i problemi di orario di alcuni treni provenienti dal nord Italia. Per motivi di sicurezza la maggior parte dei manifestanti è stata dirottata alle stazioni di Ostiense e Tiburtina.

 

 
TAG: Bush
 

[09-06-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE