Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Renata e l'addio annunciato, oppure no?

la posizione della Polverini appesantita dalla crisi del Pdl nazionale

Potrebbe essere domani il giorno delle dimissioni del Presidente della Regione. La giornata alla Pisana si prospetta lunga e cruciale, non solo per il voto sui tagli ai consiglieri proposti come ultimatum nella drammatica seduta di lunedì scorso, quando la Governatrice ha puntato su di sé e sulla sua storia personale per non essere travolta dall’inchiesta dei fondi del gruppo Pdl.

Renata Polverini, ieri vicinissima alle dimissioni, rischia su due fronti: quello giudiziario, qualora lo scandalo si allargasse alla gestione dei fondi della Giunta, ma sopratutto quello politico. La maggioranza che la sostiene al momento sembra implosa: il gruppo Pdl in queste ore è impegnato nella guerra dei dossier: un tutti contro tutti alimentato dall’ex capogruppo Franco Fiorito, che sembra voler trascinare nel fango tutti i colleghi, per dimostrare che il malcostume nella gestione illecita dei fondi era cosa diffusa, almeno nel suo gruppo consiliare.

La posizione della governatrice poi è appesantita dalla crisi strisciante, ma non troppo, del Pdl nazionale, che sembra sull’orlo di una scissione voluta da una parte degli ex An; per questo Berlusconi sa bene che l’eventuale caduta dell’attuale governo della Regione Lazio sarebbe vista come la prima di una serie di sconfitte a ridosso della stagione delle campagne elettorali per Campidoglio e Parlamento.    

"Domani vedremo, andró in Consiglio e vedremo. Sentirò cosa pensano di fare. Ho dato la scadenza di domani per portare a casa un pacchetto provvedimenti -ha detto la Polverini- Berlusconi mi ha telefonato come tante altre persone e mi ha detto 'non c'entri nulla vai avanti".

[20-09-2012]

 
Lascia il tuo commento